le notizie che fanno testo, dal 2010

Prima dell'aumento al 22% già crollo IVA nel 2013 del 5,2%

Mentre il governo Letta discute se e come abolire l'aumento dell'IVA al 22% scattato il 1 ottobre, il Ministero dell'Economia e delle Finanze rende noto che nei primi otto mesi dell'anno il gettito IVA è drasticamente calato del 5,2%, con lo Stato che ha quindi incassato oltre 3 milioni di euro in meno.

Mentre il governo Letta si sta ancora chiedendo, con molta lungimiranza, se l'aumento dell' IVA dal 21% al 22% è da abolire o meno, a fornire una chiara risposta è il Ministero dell'Economia e delle Finanze. Nei primi otto mesi del 2013 infatti il gettito IVA è drasticamente calato del 5,2%, con lo Stato che ha quindi incassato meno 3.724 milioni di euro rispetto all'anno precedente. Inoltre, anche il gettito Irpef si riduce dello 0,7% (-753 milioni di euro) nei primi 8 mesi dell'anno mentre sono in crescita le ritenute sui redditi dei dipendenti del settore pubblico (+3,2%), compreso l'Ires che presenta un più 7,5% (+1.317 milioni). Risulta invece invariato il gettito delle entrate tributarie dei primi otto mesi del 2013 rispetto allo stesso periodo del 2012. In compenso, però, lo Stato ha incassato un 2,3% in più da entrate tributarie derivanti dall'attività di accertamento e controllo, pari a 4.808 milioni di euro.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# euro# governo# Ires# IVA# Ministero dell'Economia