le notizie che fanno testo, dal 2010

Capezzone: Tasi è vecchia IMU sulla prima casa sotto diverso nome

Daniele Capezzone, parlamentare di Forza Itali, afferma come sia "falso che la prima casa sia esentata dal nuovo emendamento relativo alla tassazione degli immobili" e spiega: "Si esenta la prima casa dall'Imu, che resta solo sugli altri immobili, ma la si include nella Tasi, che altro non è che la vecchia Imu sulla prima casa sotto diverso nome".

"E' falso che la prima casa sia esentata dal nuovo emendamento relativo alla tassazione degli immobili. Purtroppo, è stata compiuta la scelta peggiore e cioè quella di reintrodurre l'Imu sotto falso nome, come vedremo. E questa decisione va denunciata e contrastata. Quanto alle denominazioni della nuova imposta Iuc, prevista in un emendamento della Legge di stabilità, suggerisco di chiamarla Tal, cioè Tassa Alfano Letta" commenta Daniele Capezzone, parlamentare di Forza Italia, riferendosi alla nuova tassa sulla casa che il governo è pronto a varare insieme alla legge si stabilità. Capezzone quindi spiega: "La certezza è che si tornerà a pagare sulla prima casa, come nel 2012, e che la cancellazione (forse parziale) delle due rate di IMU per quest'anno sarà niente più che uno sconto una tantum. Il nuovo tributo proposto dai relatori si basa su tre componenti: l'Imu, di natura patrimoniale e a carico dei proprietari, da cui sono in effetti escluse le abitazioni principali non di lusso; la Tari, per i costi della raccolta dei rifiuti, a carico degli utilizzatori; e infine la Tasi per i servizi indivisibili (ma a tutti gli effetti un'altra patrimoniale), a carico sia di utilizzatori (tra il 10 e il 30% del dovuto) che di proprietari e, si legge, 'ivi compresa l'abitazione principale' ".

Capezzone quindi riassume: "Dunque, si esenta la prima casa dall'Imu, che resta solo sugli altri immobili, ma la si include nella Tasi, che altro non è che la vecchia Imu sulla prima casa sotto diverso nome. L'aliquota di base della Tasi è dell'1 per mille, quella massima del 2,5 per mille. Ma solo per il 2014, perché dal 2015 in poi l'unico vincolo per i Comuni eè che Tasi più Imu non superino l'aliquota massima della vecchia Imu, che sulle prime case era del 6 per mille".

"Lo schema della Tasi somiglia davvero molto, troppo, alla vecchia Imu: aliquota di poco inferiore (2,5 anziché 4 per mille), a fronte però di detrazioni in misura molto inferiore. - conclude quindi Capezzone, aggiungendo - E' intellettualmente disonesto richiamarsi al 2012, per dire che la tassazione sarà su quel livello (o poco sopra, o poco sotto). Il riferimento, per chiunque abbia onestà intellettuale, doveva essere il 2013, anno dell'abolizione totale della tassazione sulla prima casa (sempre che il Governo non abbia in serbo un altro inganno nei prossimi giorni). Quanto a chi si era definito 'sentinella antitasse', che dire? Non ci sono parole...".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: