le notizie che fanno testo, dal 2010

Greenpeace e lo chef Antonello Colonna: senza api non si mangia

Per il lancio del rapporto "A come Ape. Un'agricoltura senza pesticidi è possibile", Greenpeace ha dimostrato, insieme allo chef Antonello Colonna, che senza le api molti dei cibi presenti sulle nostre tavole scomparirebbero, perché molti piatti sono realizzati con ingredienti che dipendono dall'impollinazione di questi insetti.

Per il lancio del rapporto "A come Ape. Un'agricoltura senza pesticidi è possibile", Greenpeace ha voluto unire alla voce di ricercatori e agricoltori anche quella di un noto chef che ha preparato alcuni suoi piatti realizzati con ingredienti che dipendono dall'impollinazione delle api. Con lo chef Antonello Colonna, presso il ristorante Open Colonna a Roma, Greenpeace ha spiegato che senza le api molti dei cibi presenti sulle nostre tavole scomparirebbero, perché dipendono dalla impollinazione di questi insetti. Nel rapporto Greenpeace ha quindi riportato alcuni "casi studio" che evidenziano le esperienze di agricoltori, scienziati, istituti di ricerca e aziende di 10 Paesi europei. Gli esperti intervistati spiegano come l'agricoltura ecologica sia l'unica soluzione ai problemi connessi con il modello di agricoltura industriale, basato su una crescente dipendenza da sostanze chimiche di sintesi, centrato sulla diffusione delle monocolture e quindi sulla dipendenza da poche multinazionali agrochimiche.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: