le notizie che fanno testo, dal 2010

Varoufakis: Grecia ricorrerà a vie legali per rimanere nell'euro

Il ministro delle Finanze Yanis Varoufakis assicura che la vittoria del "no" al referendum del 5 luglio non comporta automaticamente l'uscita della Grecia dall'euro, e ricorda: "I Trattati europei non prevedono l'uscita dall'euro, la Grecia farà valere tutti i suoi diritti legali ed intrapenderà tutte le eventuali azioni legali presso la Corte europea".

Dopo la precisazione di Alexis Tsipras, anche il ministro delle Finanze greco assicura che la vittoria del "no" al referendum del 5 luglio non comporta automaticamente l'uscita della Grecia dall'euro. In una intervista al Telegraph, Yanis Varoufakis infatti anticipa: "I Trattati europei non prevedono l'uscita dall'euro, cosa che ci rifiutiamo di immaginare. La nostra posizione nella zona euro non è negoziabile. - aggiungendo - La Grecia farà valere tutti i suoi diritti legali ed intrapenderà tutte le eventuali azioni legali presso la Corte europea". La Grecia starebbe inoltre valutando l'opportunità di presentare una denuncia alla Banca centrale europea dopo che questa ha deciso di non fornire liquidità alle banche greche, decisione che ha portato il governo di Atene a chiudere gli istituti di credito ed a limitare il ritiro del contante dai bancomat.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: