le notizie che fanno testo, dal 2010

Grande Fratello 11: un libro anticipa l'irruzione dell'uomo armato

Domenica scorsa un uomo ha cercato di irrompere nella casa del Grande Fratello 11 armato di coltello e tirapugni. Il romano è stato fermato ma un thriller, "Scacco matto alla Regina" prima opera di Alberto Tengattini, descrive invece cosa sarebbe potuto accadere.

Domenica 9 gennaio, intorno alle ore 20:00, un uomo ha cercato di entrare nella casa del Grande Fratello armato di coltello e tirapugni. Arrivato davanti agli studi di Cinecittà ha spiegato di essere un nuovo concorrente della Casa (col via vai di questa edizione poteva anche essere una scusa abbastanza credibile) ma per fortuna è stato fermato dalla sicurezza. Il romano di 38 anni è stato poi consegnato alla polizia, che l'ha denunciato per tentata violenza privata e porto abusivo di armi da taglio, mentre l'autorità giudiziaria pare che abbia disposto una visita medica, probabilmente per individuare eventuali disturbi psichiatrici (Grande Fratello 11: uomo con coltello tenta di irrompere nella Casa - http://tinyurl.com/4hu83ek).
Non sono chiare le motivazioni che hanno spinto l'uomo a voler cercare di irrompere nella casa del Grande Fratello armato di coltello e di tirapugni, ma il fatto può aver riportato alla mente di qualcuno un romanzo pubblicato nel 2010 dal gruppo Albatros.
"Scacco matto alla Regina" è il titolo del libro in questione, e rappresenta il primo lavoro letterario di Alberto Tengattini, laureato in Ingegneria Meccanica. Il thriller racconta infatti di un uomo, Davide Renzetti (anche lui ingegnere, ma elettronico) che entra nella Casa del Grande Fratello con in mente "un terribile piano omicida", come spiega la quarta di copertina di "Scacco matto alla Regina". Il protagonista del thriller "è un potenziale assassino affetto da una grave forma di schizofrenia - si legge nella presentazione del libro - persuaso che il Grande Fratello sia la più lampante prova del degrado morale in cui versa la società di oggi, ed è determinato a opporsi con fermezza a questo inaccettabile scempio".
La trama anticipa che "Renzetti entrerà nella Casa del GF come concorrente e realizzerà una strage. Dinanzi agli occhi esterrefatti di milioni di telespettatori si compie il sistematico massacro degli inquilini della Casa e le decine di telecamere sparse per l'appartamento non riescono a cogliere nessuna delle innumerevoli trappole disseminate in ogni dove. I sospetti si restringono ma i delitti non accennano a fermarsi e, proprio quando non sembra essere rimasta alcuna speranza, il commissario Alberti troverà un'unica, insperata traccia...".
Non sappiamo naturalmente se il romano che voleva fare irruzione al Grande Fratello 11 avesse o meno letto il libro anche se probabilmente è stato l'autore del romanzo ad aver saputo anticipare gli eventi. Rimane comunque inquietante il fatto che proprio mentre imperversavano le polemiche sullo sdoganamento delle bestemmie in televisione un uomo abbia provato ad entrare armato nella Casa. Forse anche per il romano il Grande Fratello stava cominciando a rappresentare il "degrado morale in cui versa la società di oggi".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: