le notizie che fanno testo, dal 2010

Grande Fratello 11 dopo la bestemmia inaugura il "buco della memoria"

Il Grande Fratello 11 sarà ricordato non solo per aver sdoganato la bestemmia in televisione (mentre centinaia di cristiani vengono perseguitati e uccisi per la loro fede) ma anche per aver inaugurato il "buco della memoria" descritto in 1984 da George Orwell.

Questa sera andrà in onda la dodicesima puntata del Grande Fratello 11 e finalmente il telespettatore saprà se Massimo Scattarella, il concorrente del GF10 eliminato per aver pronunciato una bestemmia, potrà rientrare nella casa. Questa edizione del Grande Fratello sarà ricordata quindi non solo per il fatto di aver sdoganato la bestemmia in televisione (mentre centinaia di cristiani vengono perseguitati e uccisi in tutto il mondo per la loro fede) ma anche per aver inaugurato il "buco della memoria" descritto in 1984 da George Orwell.
"La storia era un palinsesto che poteva essere raschiato e riscritto tutte le volte che si voleva. In nessun caso era possibile, una volta portata a termine l'opera, dimostrare che una qualsiasi falsificazione avesse avuto luogo", scriveva Orwell in 1984.
In poche parole, citando lo slogan del Partito del Grande Fratello: "Chi controlla il passato controlla il futuro. Chi controlla il presente controlla il passato".
Alcuni siti e blog su internet hanno infatti svelato il fatto che nella Casa del Grande Fratello più di una persona, in questa edizione, ha bestemmiato. Uno è stato Matteo Casnici, salvato dalla produzione e giustificato da Alessia Marcuzzi, mentre parlava con Massimo Scattarella nella scorsa puntata, con questa frase: "Matteo è stato salvato dal pubblico" e quindi "non ha fatto una cosa così grave secondo gli italiani". La conduttrice del Grande Fratello non dovrebbe però confondere, per correttezza, la volontà degli italiani con quella dei televotanti.
Ma ci sono stati almeno altre due persone ad aver bestemmiato, ripresi dalle telecamere e uditi da quei telespettatori tanto cari alla Marcuzzi, e cioè David Lyoen e Pietro Titone. Il primo è ormai fuori dalla casa mentre il secondo è ancora in gioco. Pietro Titone ha oltretutto pronunciato la stessa bestemmia di Massimo Scattarella dell'anno scorso, e vedendo la registrazione bisogna dire anche con una certa intenzionalità.
Tre concorrenti della Casa questa edizione hanno bestemmiato ed offeso almeno una parte degli italiani (probabilmente quella che non coincide con i televotanti) e uno che lo ha fatto nel GF10 è di nuovo in gioco, tugurio o meno, nonostante lo stesso Massimo Scattarella abbia rivelato lunedì scorso al pubblico: "Nel momento che siamo entrati nella Casa c'è stato un contratto che abbiamo firmato per Endemol dove si diceva che i concorrenti del Grande Fratello se avessero bestemmiato sarebbero stati squalificati".
Il Grande Fratello non ha potuto dire che le ingiurie pronunciate dai concorrenti non fossero bestemmie e allora sembra aver aggirato l'ostacolo con l'escamotage del televoto e della "non intenzionalità". Inoltre, per ben due concorrenti ha fatto addirittura finta di niente, forse perché ad occuparsi della questione non sono stati i giornali "di carta" (quelli che vengono inquadrati durante la puntata) ma blog e siti sul web. Ma è sul web che i filmati girano visto che, nonostante tutto, nessuno l'ha ancora imbavagliato.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: