le notizie che fanno testo, dal 2010

Google: su Blogger solo il nudo di "pubblica utilità" sarà accessibile

Google avverte che "a partire dal 23 marzo 2015 non sarà possibile condividere pubblicamente immagini e video sessualmente espliciti o che mostrano nudità su Blogger". Unica eccezione, le immagini di nudità di "pubblica utilità". Sarà ovviamente Googl, discrezionalmente, a decidere se una nudità è arte o meno.

"A partire dal 23 marzo 2015 non sarà possibile condividere pubblicamente immagini e video sessualmente espliciti o che mostrano nudità su Blogger" informa Google a tutti quegli utenti che utilizzano il sito di blog della multinazionale di Mountain View. Google precisa che "le immagini di nudità sono consentite se il contenuto è di pubblica utilità, ad esempio in un contesto artistico, didattico, documentario o scientifico". Sarà però ovviamente Google a decidere quali immagini e video di nudi oppure sessualmente espliciti siano arte o meno. Google avvisa che per i blog già esistenti, dal 23 marzo 2015 questi diventaranno "privati" se il polifemo di Mountain View stabilirà (arbitrariamente) che il sito contiene immagini o video di nudo sessualmente espliciti. Per blog privato si intende che potrà essere "visto solo dal proprietario o dagli amministratori del blog e dalle persone con cui il proprietario ha condiviso il blog". Inaccessibile quindi a tutto il resto del mondo della Rete. Google invece avverte che "per tutti i blog creati dopo il 23 marzo 2015, Google può rimuovere il blog o intraprendere un'altra azione se il blog include contenuti sessualmente espliciti o mostra nudità come spiegato nelle (nuove, ndr) norme sui contenuti". In precedenza, infatti, Blogger ha consentito la pubblicazione di contenuti per adulti sul proprio portale, ma ha richiesto agli utenti di contrassegnare i loro blog come "per adulti". L'annuncio di Google fa parte di una campagna più ampia da parte della multinazionale americana per ridurre la quantità di porno sulla sua rete. Già nel 2013, Google aveva deciso di rimuovere quei blog su Blogger che contenevano pubblicità per siti porno on-line. Nel mese di luglio, invece, Google ha smesso di far apparire materiale pornografico nei suoi annunci pubblicitari online. Per qualcuno, però, il provvedimento che entrerà in vigore dal 23 marzo equivale ad una vera e propria "censura" dei contenuti, soprattutto perché un blog sarà "bannato" in maniera discrezionale da Google, l'unico che potrà fare differenza tra un nudo nudo e un nudo di pubblica utilità.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: