le notizie che fanno testo, dal 2010

Google: privacy violata, ingegnere licenziato

Chi controlla il controllore? Questa volta Google scopre un suo ingegnere che spiava, sembra, dei minorenni e in un battibaleno è stato licenziato. Mountain View tranquillizza gli utenti sulle sue misure di sicurezza, anche se tutti sanno la fine che ha fatto Tranquillo.

La storia è simile a tante altre se non fosse per il luogo di potere (ma non nel senso di Don Juan) in cui è accaduta. Chissà nella storia della telefonia quanti dipendenti disonesti si sono inseriti nelle telefonate private anche per pura curiosità, sicuramente dall'avvento dei centralini la pratica ha una tradizione dura a morire. Oggi, con la concentrazione dei dati "vitali" quasi non più "personali" nelle mani di pochi operatori, fanno dell' "origliatore" un soggetto molto pericoloso.
Immaginatevi infatti che cosa significa "inserire uno spinotto" nel cervellone di Google, i cui computer elaborano e-mail, telefonate, preferenze pubblicitarie e chissà che altro e poi mettersi ad "ascoltare" (il termine va traslato nella modernità, ovviamente) l'effetto che fa.
Ebbene forse si avrà la stessa sensazione che ha probabilmente vissuto David Barksdale, Site Reliability Engineer dell'azienda di Mountain View, accusato da Google di aver spiato degli account appartenenti a dei minorenni.
Sembra infatti che l'ingegnere abbia "inserito lo spinotto" (sempre metaforicamente) in una telefonata tra una coppietta di quindicenni e poi li abbia perseguitati frugando nei log per conoscere i loro numeri di telefono reali.
Per ora le notizie sono confuse ma Bill Coughran, Senior Vice President Engineering di Google, dice che David Barksdale è stato licenziato per non aver rispettato le strette politiche interne sulla privacy e che Google "controlla accuratamente il numero di impiegati che hanno accesso ai nostri sistemi e aggiorniamo spesso i nostri controlli di sicurezza".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# computer# Google# minorenni# Mountain View# privacy