le notizie che fanno testo, dal 2010

Google compra DeepMind: la mente per il donkey robot militare?

Google acquisisce DeepMind per 400 milioni di dollari, impresa londinese di intelligenza artificiale, forse per dare una "mente profonda" ai robot della Boston Dynamics comprati ad inizio anno. Un passo in più verso la possibile vision transumanista di Google, come ipotizzano diversi giornalisti di controinformazione?

Google acquista la start-up britannica DeepMind, impresa che lavora nel settore dell'intelligenza artificiale. Google ha inglobato la DeepMind per una somma di 400 milioni di dollari (242 milioni di sterline), e ciò corrisponde finora alla più grande acquisizione europea da parte del polifemo di Mountain View. Google per il momento si è rifiutato di confermare la cifra, mentre la DeepMind non ha rilasciato alcun commento. La DeepMind è stata fondata dal 37enne neuroscienziato, nonché ex adolescente prodigio degli scacchi, Demis Hassabis, insieme alla collaborazione di Shane Legg e Mustafa Suleyman. Come si legge sulla home page del sito, la DeepMind unirebbe "le migliori tecniche di machine learning e i sistemi di neuroscienze per costruire potenti algoritmi di apprendimento general-purpose". L'azienda di "intelligenza artificiale" però finora sembra che si sia specializzata in particolar modo solo nella creazione di algoritmi e machine learning per l'e-commerce e i giochi. Google, ma anche Facebook, IBM e Yahoo, sembra essere sempre più interessato allo sviluppo di sistemi di intelligenza artificiale, tanto che nel maggio scorso ha persino annunciato una partnership con la NASA per il lancio del Quantum Artificial Intelligence Lab che, almeno ufficialmente, utilizzerà supercomputer e complesse formule matematiche per contribuire a migliorare la scienza aeronautica e l'esplorazione dello Spazio. Inoltre, all'inizio di quest'anno Google ha comprato anche i robot di Boston Dynamics, società di ingegneria e robotica meglio conosciuta per lo sviluppo di BigDog (detto anche "donkey military robot"). Nel 2012, Google inoltre ha assunto il transumanista Ray Kurzweil, che guida un team di ingegneri dedicato all'apprendimento della macchina e all'elaborazione del linguaggio. Sempre nel 2012 viene presentato l'altisonante "Neuro Network" messo a punto nell'altrettanto roboante "Laboratorio X" di Google, composto da 16mila processori che sono stati in grado di "riconoscere" un gatto su Youtube, ma non certo di comprendere che è un felino. Per alcuni giornalisti della cosiddetta "controinformazione", d'altronde, la vision di Google appare chiara, e cioè diffondere la nuova religione del transumanesimo con un mondo perennemente collegato alla rete internet.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: