le notizie che fanno testo, dal 2010

Google Transit: tutti gli itinerari del trasporto pubblico a Roma gratis

Google Transit arriva anche a Roma: il polifemo di Mountain View ha acquisito le oltre 500 linee di superficie del trasporto pubblico (bus e tram), le due linee della metropolitana (A, B e B1) e le tre ferrovie regionali, che potranno essere consultate gratis da cittadini e turisti per i propri spostamenti nella Capitale.

Il polifemo di Mountain View, dopo aver mappato in lungo e largo tutto il mondo, grazie alla collaborazione con l'Agenzia Roma Servizi per la Mobilità, ora ha acquisito all'interno dei suoi milioni di database e server anche tutte le linee di trasporto pubblico della Capitale. Dopo essere approdato anche in altre città d'Italia, oltre che in quelle europee e di mezzo mondo, Google Transit arriva anche a Roma. Google, infatti, si è fagocitato, incrociando i dati con quelli di Google Maps, le oltre 500 linee di superficie (bus e tram) che percorrono Roma, le due linee della metropolitana (A, B e B1) e le tre ferrovie regionali. Google Transit, quindi, complessivamente mappa un'area di 1.285 kmq e una rete che si estende per circa 3.510 km. Tutto questo, naturalmente, solo per "aiutare gli utenti a esplorare il mondo che li circonda" come spiega romanticamente Aldo Spivach, Strategic Partnerships Development Manager per l'Italia di Google. Google Transit, infatti, vuole solo fornire, spiega sempre Spivach, "informazioni gratis sul trasporto pubblico" ai cittadini e ai turisti che vivono la Capitale, perché ciò rappresenterebbe "un aiuto importante per vivere il proprio territorio in modo smart e semplice". Orgogliosamente, Massimo Tabacchiera, presidente dell'Agenzia per la Mobilità di Roma, spiega che "Google e Agenzia hanno mappato circa 10.000 punti di fermata, più di 500 linee articolate in circa 1.600 percorsi distinti per un totale di circa 45.000 corse giornaliere" e che il Comune di Roma ha scelto "i servizi del motore di ricerca Google per l'affidabilità, la diffusione e l'accessibilità ormai universale che questo rappresenta". Dimenticandosi forse che Google è una multinazionale americana, a cui i governi di tutto il mondo continuano a "regalare" mappe sempre più dettagliate delle proprie città, prima con Google Maps, poi con Google Street View ed ora con Google Transit, che naturalmente sarà anche in grado di rilevare automaticamente la posizione dell'utente, magari per "mappare" così anche i "flussi" degli spostamenti privati. Sempre gratis, of course.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: