le notizie che fanno testo, dal 2010

Google News, algoritmo non imparziale: al via censura media pro Russia

Non solo Twitter e Facebook ma anche Google News inaugura la soft censorship. Eric Schmidt annuncia infatti candidamente che verranno modificati gli algoritmi dell'aggregatore di Mountain View per ridurre la presenza dei siti di media russi.

Con il pretesto che la Russia avrebbe interferito nella campagna presidenziale americana, il presidente del consiglio di amministrazione di Alphabet, Eric Schmidt, ha annunciato che Mountain View, alla faccia del suo algoritmo super partes, inizierà a ridurre su Google News la presenza dei siti di media russi.
Eppure sulla home page di Google News viene specificato che "gli articoli sono stati selezionati e posizionati in questa pagina in modo automatico".

Per ammissione dello stesso Schmidt, non è proprio così poiché ovviamente non basta spiegare che verranno "ingegnerizzati i sistemi" per impedire che determinati contenuti raggiungano un pubblico più ampio per assicurare che nel posizionamento delle notizie non c'è alcun intervento umano.

Ed infatti Andrey Svintsov, vicepresidente del Committee for Information Policy, Information Technologies and Communications del Parlamento russo, ha denunciato il fatto che Google ha "ingaggiato una forma aperta di guerra all'informazione".
A RT, il legislatore russo denuncia quindi come la manipolazione da parte di Google dei risultati del motore di ricerca sono un "potente colpo" alla libertà di espressione.

La Russia ovviamente cercherà di "limitare l'uso del motore di ricerca di Google, così come di alcuni social network appartenenti alla multinazionale", anticipa Svintsov.
Il problema però a questo punto diventa mondiale. Google infatti è monopolista globale della ricerca su internet, e tale politica di soft censorship riguardo a siti e notizie poco graditi e non conformi al pensiero dominante è molto probabilmente estesa a tutti i Paesi creando un impatto diretto sulla libertà di parola e pensiero.
La lotta alle fake news si sta quindi sempre più trasformando in censura dei fatti, quelli raccontati da chi li osserva sotto un altro punto di vista.

© riproduzione riservata | online: | update: 21/11/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Google News, algoritmo non imparziale: al via censura media pro Russia
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI