le notizie che fanno testo, dal 2010

Google Editions: la libertà di leggere, ma a pagamento

Non sarà un ebook store, non sarà un servizio per Android ma la risposta di Big G al frammentato mercato degli ebook. Il motto è "buy anywhere, read anywhere", ma il mistero su che cosa sarà Google Editions è davvero fitto.

Che Google fosse dentro il mercato dell'editoria (direttamente e indirettamente, con contenuti soprattutto di altri) era sotto gli occhi di tutti, ma che prima o poi si mettesse a vendere libri (ovviamente elettronici) era più che prevedibile.
Lo farà però in una maniera nuova che punterà più sullo "streaming" che sul "download", quindi sul "non possesso" del libro, che diventa sempre più un fantasma (anche dell'opera, intesa come opera letteraria) che si può vedere ma non afferrare con le mani.
Google Editions sarebbe dovuto partire un anno fa, poi questa estate, poi il servizio è stato riniviato per cause tecniche. Ora sembra che sia la volta buona e che Google Editions avrà il via negli Stati Uniti tra poche settimane, mentre l'anno prossimo esordirà in tutto il mondo.
Il sistema ancora è fumoso ma sembra che lo slogan sia "buy anywhere read anywhere", dove anywhere sta per "ovunque" e prima di "read" (leggere) bisogna comunque (e in primo luogo) "buy" (comprare). Insomma la libertà di leggere, ma a pagamento. Di questi tempi la libertà è una edizione di lusso.
Sembra che Google Editions non sarà il solito ebook store ma una specie di prezzemolo digitale "alla Google" dove gli editori affideranno i propri libri ai server di Mountain View che, in cambio di una percentuale, si occuperà di tenerli sulle proprie macchine server e di effettuare le transazioni.
Inoltre i libri saranno fruibili comodamente da ogni browser (comodamente?). Sostanzialmente pare che Google non permetterà il download dei libri (che quindi rimarranno sui suoi server) e utilizzando un browser standard potrebbe scavalcare il problema dell'incompatibilità tra piattaforme hardware.
Gli ebook quindi per tutti e per tutte le periferiche, e non iBook solo per iCosi (iPhone, iPad, iPod) ma per qualsiasi smartphone, PC, tablet o cornice portafoto digitale Android che abbia un browser web.
Ma ancora il servizio Google Editions è avvolto nella nebbia, anche se molto letteraria, stavolta.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: