le notizie che fanno testo, dal 2010

Dopo vicenda sarda urgente riforma settore funebre e cimiteriale, dice Maturani (PD)

"Dopo la vicenda sarda che ha visto 168 persone indagate e circa 20 arresti domiciliari nel cagliaritano e nuorese, nell'ambito di una maxi operazione sul mercato dei servizi funebri in Sardegna, è ancora più urgente accelerare l'iter per la disciplina del settore funebre e cimiteriale", rivela in una nota Giuseppina Maturani, senatrice del PD.

"Dopo la vicenda sarda che ha visto 168 persone indagate e circa 20 arresti domiciliari nel cagliaritano e nuorese, nell'ambito di una maxi operazione sul mercato dei servizi funebri in Sardegna, è ancora più urgente accelerare l'iter per la disciplina del settore funebre e cimiteriale. - spiega in un comunicato Giuseppina Maturani, senatrice del PD - In Commissione Sanità abbiamo concluso le audizioni e appena sarà possibile presenterò, come relatrice, il testo unificato dal quale partire per una necessaria discussione che porti in tempi certi all'approvazione di una legge che riordini un settore che ha bisogno di regole chiare e certe."
Sottolinea in ultimo: "Servono misure rigorose e trasparenti, che garantiscano le imprese sane da un lato e tutelino al tempo stesso le famiglie, a partire dalla norma che riguarda la detrazione per le spese funebri. Servono regole nuove per i cimiteri e per la cremazione, servono controlli più severi da parte delle strutture sanitarie come indicato dall'Anac. Vicende come quella sarda non si devono più ripetere."

© riproduzione riservata | online: | update: 10/05/2016

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Dopo vicenda sarda urgente riforma settore funebre e cimiteriale, dice Maturani (PD)
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI