le notizie che fanno testo, dal 2010

Tortura: con reiterazione reato opposizioni non dovrebbero far polemica, dice Lumia (PD)

"Ricordo a tutti coloro che oggi gridano all'ostilità nei confronti delle forze dell'ordine da parte dei sostenitori della legge sulla tortura che in prima lettura al Senato il testo fu approvato all'unanimità", riflette in una nota Giuseppe Lumia, esponente dem.

"Ricordo a tutti coloro che oggi gridano all'ostilità nei confronti delle forze dell'ordine da parte dei sostenitori della legge sulla tortura che in prima lettura al Senato il testo fu approvato all'unanimità, con il voto anche di color che ora tanto si sbracciano. Il reato di tortura è infatti a garanzia dei cittadini e degli stesse forze dell'ordine" precisa in una nota Giuseppe Lumia, esponente PD.
"Colpisce chiunque usi gravi violenze e minacce, al plurale quindi non fatti occasionali, e non coinvolge affatto l'uso della forza legittima che in uno stato democratico non si può scalfire e, quando necessario, va esercitata" afferma.

"Negli emendamenti dell'opposizione nessuno aveva, per altro, previsto la tanto evocata parola 'reiterata', anzi si prevedevano misure molto più lievi rispetto a quelle che si prevedono oggi. Allora sì si rischiava veramente di prestare il fianco all'ostilità delle forze di polizia" dichiara. Ed infatti per Amnesty International Italia sarebbe "incompatibile" con la Convenzione delle Nazioni Unite la previsione della tortura come inclusiva dei soli comportamenti "reiterati", in quanto questo elemento restringerebbe la portata della definizione internazionale.
"La norma è equilibrata, è rigorosa, e non è consentito giocare con la strumentalità politica quando si parla delle forze dell'ordine che vanno ringraziate e tutelate per i compiti difficili e impegnativi che quotidianamente sono chiamate a svolgere" sostiene infine.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: