le notizie che fanno testo, dal 2010

Tremonti: la manovra correttiva sarà rafforzata nel quadriennio

Fino a poco tempo fa politici e analisti rassicurava sul fatto che l'Italia quasi non era stata toccata dalla crisi economia. Poi improvvisamente arriva una manovra correttiva ormai da 60 miliardi, e che sembra non basterà da sola.

Dopo il monito di Mario Draghi, che avverte che "occorre definire in tempi rapidissimi il contenuto delle misure ulteriori volte a conseguire il pareggio di bilancio nel 2014", dalla platea dell'assemblea dell'Abi Giulio Tremonti rassicura l'ex governatore della Banca d'Italia, ma impensierisce sempre di più i cittadini italiani. E' ormai palese che la manovra correttiva, partita da 47 miliardi di euro ma che ormai sfiora i 60 miliardi, non basterà da sola a pareggiare i conti dello Stato entro il 2014, e così il ministro dell'Economia promette (o "minaccia", a seconda dell'interpretazione) che "il decreto per il pareggio di bilancio sarà rafforzato su tutto il quadriennio". Il fatto poi che sia "sotto pressione più o meno il 40% d'Europa" e che la crisi è un problema "non del singolo Stato, ma della struttura complessiva" dell'Europa, non fa certo tirare un sospiro di sollievo a tutti quei cittadini che stanno invece già cominciando a tirare la cinghia, visto che la manovra, anche grazie all'intervento del Capo dello Stato, sarà approvata entro venerdì.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: