le notizie che fanno testo, dal 2010

Tremonti contro l'eolico, roba da Don Chisciotte

Il Ministro dell'Economia Giulio Tremonti torna a parlare di nucleare. Per Tremonti "l'Italia è più penalizzata di altri Paesi europei perché ha il peso maggiore del costo dell'energia" visto che il nostro Paese "importa energia" mentre a suo dire "tutti gli altri Paesi europei stanno investendo sul nucleare".

Alla kermesse organizzata dal PdL a Cortina il Ministro dell'Economia Giulio Tremonti torna a parlare di nucleare, anche se le argomentazioni adottate per cercare di convincere che l'Italia ha bisogno dell'energia atomica per spendere di meno in bolletta sembrano trite e ritrite.
Per Tremonti, infatti, "l'Italia è più penalizzata di altri Paesi europei perché ha il peso maggiore del costo dell'energia" visto che il nostro Paese "importa energia" mentre a suo dire "tutti gli altri Paesi europei stanno investendo sul nucleare".
In realtà chi ha investito sul nucleare lo ha fatto molti anni fa, e alcuni di questi hanno dei piani per arrivare a sostituire gradualmente questa tecnologia ormai vecchia, anche per il solo fatto che come il petrolio anche l'uranio sta per finire.
Anche il cancelliere tedesco Angela Merkel ha affermato pochi giorni fa che la decisione di allungare per ulteriori 12 anni l'esercizio delle centrali nucleari servirà comunque a "raggiungere presto l'era delle energie rinnovabili".
Per Giulio Tremonti, invece, l'Italia dovrebbe cominciare da adesso a costruire le centrali, e ciò sembrerebbe dimostrare quanto il nostro Paese sia in ritardo sulla tabella di marcia.
Per Tremonti, poi, "non dobbiamo credere a quelli che raccontano le balle dei mulini a vento, le balle dell'eolico" perché "quello dell'eolico è un business ideato da organizzazioni corrotte che vogliono speculare e di cui noi certo non abbiamo la quota di maggioranza".
E c'è già chi si preoccupa a pensare chi potrebbe detenere la "quota di maggioranza" del business nucleare.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: