le notizie che fanno testo, dal 2010

Tremonti: arriva dagli USA "Three Monsters",il videogioco del Ministro

La crisi economica spiegata da Giulio Tremonti come un videogioco dove "compare un mostro, lo combatti, lo vinci e subito spunta un altro mostro più forte" ha ispirato società americana di videogame ludici per ragazzi, tanto che dagli USA è in arrivo "Three Monsters - an economic world war".

C'è chi dice che Tremonti potrebbe essere il prossimo presidente del Consiglio dopo la "caduta" di Silvio Berlusconi, ma di certo se così non sarà non avrà problemi di lavoro per il futuro. A parte la sua professione di stimato economista, Giulio Tremonti potrebbe essere un ricercato "ideatore" e "sceneggiatore" di videogiochi visto che una società americana di videogame ludici per ragazzi, la "We Jhudmey", ha deciso di produrre "Three Monsters - an economic world war" liberamente ispirato alle lezioni di economia del nostro Ministro Tremonti sulla globalizzazione della crisi. Molti ricorderanno infatti le frasi del ministro che di tanto in tanto cerca di spiegare la crisi economica, appunto, come se fosse un videogame. "E' come vivere in un videogame, compare un mostro, lo combatti, lo vinci, ti rilassi e subito spunta un altro mostro più forte del primo" spiegava per esempio il ministro dell'Economia nel corso di una tavola rotonda alla conferenza "Nuovo mondo, nuovo capitalismo" svoltasi a Parigi i primi di gennaio (http://is.gd/zVzPfB) mentre solo pochi giorni fa, durante una puntata di Annozero, Giulio Tremonti con tanto di lavagna e pennarello riprendeva il discorso spiegando nuovamente il concetto dei "Tre Mostri". Ma il videogame della crisi economico-finanziaria che "non può essere spento" ha origini lontane, tanto che nel 2008 Tremonti riassumeva il concetto proprio durante l'inaugurazione dell'anno accademico dell'Università Cattolica di Milano spiegando: "Il primo mostro è stato quello dei subprime. Il secondo il collasso del credito, poi le bancarotte bancarie e quindi il collasso delle Borse", causate dal terzo mostro, la "speculazione", come rivela ad Annozero il 10 marzo scorso. Sempre alla Cattolica di Milano Tremonti sottolineava come dietro l'angolo ci fossero però altri "mostriciattoli" come "le carte di debito, le possibili bancarotte societarie - e infine - il mostro dei mostri: i derivati in cui si presenta un rischio dagli effetti incalcolabili, non gestibili se non con il dominio dell'economia e l'antica sapienza dell'anno sabbatico" (http://is.gd/j1qy41). Lezioni di finanza che sembrano aver folgorato per il suo business Bob Sampedro, CEO della We Jhudmey: "Facciamo videogiochi per ragazzi che vanno nelle scuole - ha detto Sampedro - Sentire da un famoso economista la crisi spiegata come Space Invaders mi ha davvero colpito e affondato". Non è chiaro se l'azienda abbia chiesto i diritti dei "Tre Mostri" a Giulio Tremonti, anche se sarebbe interessante in futuro veder distribuito "Three Monsters" anche nelle scuole italiane su iniziativa del Ministero dell'Istruzione, diretto da Mariastella Gelmini.
(UPDATE!) La notizia era il nostro Pesce d'Aprile! Non esiste nessun videogioco "Three Monsters - an economic world war" anche se l'idea sarebbe stata buona. La società produttrice "We Jhudmey" è la semplificazione di "wej HuDmey" che in lingua Klingon (artlang di Marc Okrand inventata per Star Trek) significa appunto "tre monti".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: