le notizie che fanno testo, dal 2010

IMU, fare ricorso perché incostituzionale: parola di Tremonti

Mentre l'UE boccia l'IMU poiché troppo poco "progressiva", Giulio Tremonti invita i cittadini a presentare ricorso contro l'IMU perché incostituzionale, e sul suo blog mette a disposizione bozze di istanze e ricorsi e consigli su come procedere.

In questa campagna elettorale, l'IMU sarà l'ago che farà pendere la bilancia più da una parte che dall'altra, e dopo il giudizio dell'Unione Europea sull'imposta a perdere colpi (e voti) sembra essere per il momento la "scelta civica" di Mario Monti. Anche se Mario Monti fa notare come "l'UE abbia preso atto che l'Italia ha fatto quello che la UE chiedeva", il Rapporto 2012 su Occupazione e sviluppi sociali di fatto chiarisce che l'IMU dovrebbe essere migliorata "in modo da aumentarne la progressività", e quindi la tanto amata "equità" così a lungo "sbandierata" dal professore. L'IMU, così com'è, è inoltre "incostituzionale" afferma seccamente l'ex ministro dell'Economia Giulio Tremonti, candidato premier della Lega Nord e leader della "Lista Lavoro Libertà". Giulio Tremonti spiega quindi prima di tutto a Mario Monti che se vuole "fare della moralità politica la sua bandiera" dovrebbe ammettere che sull'IMU ha detto "una cosa immorale perché falsa sapendo che era falsa", riferendosi al fatto che il tecnico ha ricordato più volte che la tassa era stata pensata dal governo Berlusconi. Tremonti chiarisce infatti che "l'IMU fu immaginata per il 2014, e non per il 2011, era solo a 'invarianza di gettito', non c'era dentro la prima casa, e soprattutto non c'era la rivalutazione della rendita catastale". Per tutti questi motivi, e per come è stata applicata nel 2012, Giulio Tremonti precisa che quindi "l'IMU non è una imposta sulla proprietà, ma contro la proprietà ed il risparmio degli italiani" e per questo "si può e si deve reagire per farne dichiarare l'incostituzionalità", come si legge sul suo blog , precisando che "in particolare, i vizi costituzionali dell'IMU hanno origine e derivazione dalla scelta di sviluppo della sua base imponibile, identificata in valori immobiliari che sono stati rivalutati di colpo e di imperio, in forma lineare, senza alcun collegamento con i valori economici reali sottostanti ed in più senza flessibilità nella previsione di criteri correttivi successivi".

Tremonti invita quindi i cittadini a fare ricorso contro l'IMU perché incostituzionale. Il primo passaggio, consiglia l'ex ministro dell'Economia, è presentare una istanza di rimborso (ecco i modelli) al Comune a cui si è pagata l'IMU corredata delle ricevute di pagamento. Tremonti spiega poi che "decorsi 90 giorni dalla proposizione della istanza di rimborso, ed in caso di mancata risposta da parte del Comune, è possibile proporre ricorso alla Commissione Tributaria Provinciale competente, evidenziando le ragioni di incostituzionalità dell'IMU e chiedendo la remissione degli atti alla Corte Costituzionale", mettendo anche in questo caso delle bozze di ricorso. Giulio Tremonti precisa come sia "sufficiente che anche una sola delle Sezioni delle numerosissime Commissioni Tributarie italiane - verificata la fondatezza e la rilevanza della questione di costituzionalità proposta - rimetta gli atti alla Corte Costituzionale, perché questa sia tenuta ad esaminarla ed a pronunciarsi" e che "in caso di sentenza che dichiari l'incostituzionalità totale o parziale dell'IMU, tutti i contribuenti interessati - se non lo hanno già fatto - potranno chiedere e ottenere il rimborso di quanto ingiustamente pagato". Come dire, tentar non nuoce.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: