le notizie che fanno testo, dal 2010

D'Alema: Giulio Andreotti ha fatto la storia dell'Italia repubblicana

Giulio Andreotti è morto oggi all'età di 94 anni. Il ricordo di Massimo D'Alema: "Ha mantenuto aperto il dialogo anche con forze politiche lontane dal suo pensiero" e consolidato "il ruolo e la presenza internazionale del nostro Paese".

Giulio Andreotti è morto oggi all'età di 94 anni. Tanti i messaggi di cordoglio e soprattutto di ricordo di un uomo che ha fatto "la storia dell'Italia repubblicana".
Giorgio Napolitano sottolinea come "sulla lunga esperienza di vita del Senatore Giulio Andreotti e sull'opera da lui prestata in molteplici forme nel più vasto ambito dell'attività politica, parlamentare e di governo, potranno esprimersi valutazioni approfondite e compiute solo in sede di giudizio storico". Massimo D'Alema sottolinea infatti come Giulio Andreotti è stato "certamente di un leader anche molto discusso nei diversi momenti della sua lunga esperienza politica e per la sua concezione del potere" ma che "tuttavia, non si può negare che egli abbia mantenuto aperto il dialogo anche con forze politiche lontane dal suo pensiero e che abbia contribuito a consolidare il ruolo e la presenza internazionale del nostro Paese, concorrendo così in modo determinante a fare la storia dell'Italia repubblicana". "Con Andreotti scompare uno dei maggiori protagonisti della vita politica e democratica del Paese del dopoguerra, la personalità che forse più di ogni altra ha rappresentato la continuità del ruolo di governo e della centralità politica della Democrazia cristiana nella storia della prima Repubblica" continua Massimo D'Alema, ricordando: "Nella mia vita ho avuto con lui diverse opportunità di incontro e di dialogo, sin da quando, nel lontano 1977, insieme ad altri responsabili delle organizzazioni giovanili, ci recammo da lui, che era presidente del Consiglio di un governo di solidarietà nazionale, per chiedere un impegno particolare per il lavoro dei giovani. - concludendo - Ciò si tradusse nel varo della legge 285 per l'occupazione giovanile".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: