le notizie che fanno testo, dal 2010

Pisapia: solo Bossi dice che sono matto. Il vento è già cambiato

Giuliano Pisapia, in lizza contro Letizia Moratti alla poltrona di sindaco di Milano, ha l'occasione per ribattere alle parole di Umberto Bossi, che gli aveva datto del "matto". "E' solo Bossi che dice che sono matto - spiega - Sono molto lucido".

Durante un incontro al quartiere di Quinto Romano, a Milano, Giuliano Pisapia, in ballottaggio con Letizia Moratti alla carica di primo cittadino, risponde indirettamente ad Umberto Bossi, Ministro per il Federalismo, che uscendo dal Consiglio dei Ministri del 19 maggio scorso affermava ai giornalisti presenti: "La Lega non lascia Milano nelle mani di uno che vuol fare la moschea più grande d'Europa, e vuole riempirci di clandestini, e vuole riempirci di zingari, vuol trasformare Milano in una zingaropoli - e ancora - Non lasciamo Milano in mano ad un matto che vuole riempire Milano di clandestini, di fare moschee musulmane, che vuole trasformare Milano in una zingaropoli. Mi sembra di sentire nel progetto di Pisapia lo stesso progetto che aveva il vecchio sindaco di Roma" (http://is.gd/dSuVa8). Poco dopo Umberto Bossi ritratta, nonostante il video, le sue parole, spiegando: "Non ho detto che è matto ma il suo progetto non è compatibile con una Milano decente". E così ieri Giuliano Pisapia ha l'occasione per ribattere (http://is.gd/hu7HXL), sottolineando: "Sono fisicamente stanco ma non sono matto, sono molto lucido, è solo Bossi che dice che sono matto. Sono molto lucido, ho grande determinazione perché sono convinto che questa volta il vento è già cambiato - precisando - Non cambia, è già cambiato!".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: