le notizie che fanno testo, dal 2010

L'Aquila: ritrovata teca ma non reliquia di Papa Giovanni Paolo II

Fermati tre giovani dai 18 e i 20 anni per il furto della reliquia di Papa Giovanni Paolo II, rubata nei giorni scorsi dalla chiesa di San Pietro della Ienca (in provincia de L'Aquila), sotto il Gran Sasso. Trovata però solo la teca in ferro che conteneva la reliquia perché, avrebbero spiegato i ragazzi, il pezzo di stoffa insanguinato di Wojtyla sarebbe stato gettato.

La polizia ha fermato tre giovani, tra 18 ai 20 anni, per il furto della reliquia di Papa Giovanni Paolo II trafugata, insieme ad un crocifisso, nei giorni scorsi dalla chiesa di San Pietro della Ienca (in provincia de L'Aquila), sotto il Gran Sasso. Stando alle prime indiscrezioni, però, gli investigatori avrebbero ritrovato, oltre alla croce, solo la teca in ferro che conteneva la reliquia, e non il pezzo di stoffa insanguinato di Giovanni Paolo II, brandello della tonaca che Wojtyla indossava quando fu ferito nell'attentato del 13 maggio 1981 in piazza San Pietro. I ragazzi, due dei quali fermati anche per una rapina al terminal bus di Collemaggio, avrebbero ammesso il furto, spiegando di aver seppellito il crocifisso e la teca nella sede del Sert a Collemaggio, dove effettivamente la squadra mobile ha rinvenuto i reperti. I fermati, invece, avrebbero spiegato di essersi sbarazzati del "pezzo di stoffa", gettandolo tra i cespugli, perché non ne conoscevano il valore. Versione ancora al vaglio degli investigatori.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: