le notizie che fanno testo, dal 2010

Quirinale: oggi Matteo Renzi da Napolitano. Venerdì voto di fiducia in Senato

Dopo il giro di consultazioni con i gruppi parlamentari, ad esclusione di quelli della Lega Nord e del MoVimento 5 Stelle, Giorgio napolitano ha convocato oggi Matteo Renzi al Quirinale, per affidargli il compito di formare un nuovo governo. Matteo Renzi potrebbe chiedere la fiducia al Senato già nella giornata di venerdì.

Il Capo dello Stato Giorgio Napolitano ha concluso ieri le consultazioni, dopo le dimissioni di sabato 15 febbraio dell'esecutivo presieduto da Enrico Letta. Le consultazioni erano iniziate con i Presidenti di Senato e Camera, Pietro Grasso e Laura Boldrini, ed erano poi proseguite venerdì pomeriggio e per tutta la giornata di sabato con i gruppi parlamentari, ad esclusione di quelli della Lega Nord e del MoVimento 5 Stelle. Inoltre, Giorgio Napolitano il giorno delle dimissioni di Letta ha consultato anche per telefono il Presidente Emerito Carlo Azeglio Ciampi. "Ho ritenuto da dare la massima rapidità alle consultazioni" spiega Napolitano al termine, proprio per dare "spazio e senerità a chi avrà l'incarico di formare il nuovo governo, che avrà bisogno di tutto il tempo necessario per le consultazioni, gli approfondimenti e le intese". Napolitano ha quindi precisato, replicando alle critiche mosse in particolare dal MoVimento 5 Stelle, che queste consultazioni "non hanno avuto niente di rituale o formale" tanto che la giornata per il Presidente della Repubblica è stata "ricca di stimoli e di indicazioni". Nonostante questo, non emergono dubbi sul fatto che il prossimo Presidente dela Consiglio sarà Matteo Renzi, che di fatto sfiduciando il governo Letta nel corso della direzione del PD si è autocandidato a salire a Palazzo Chigi. In una nota, infatti, Giorgio Napolitano informa di aver convocato per le 10:30 di oggi, al Palazzo del Quirinale, il Segretario Nazionale del Partito Democratico, Matteo Renzi. Matteo renzi dovrebbe oggi quindi salire al Colle con una lista dei ministri pronta. Matteo Renzi dovrebbe invece cominciare il suo giro di consultazioni alla Camera già nella giornata di martedì. I colloqui con i gruppi parlamentari potrebbero andare avanti fino a giovedì, giorno in cui potrebbe sciogliere la riserva. Venerdì quindi Matteo Renzi dovrebbe recarsi in Senato, dove i numeri sono più esigui, e chiedere la fiducia.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: