le notizie che fanno testo, dal 2010

Napolitano vota sì a riforma della scuola, M5S lo fischia. PD, Maturani: è una vergogna

"Non ci sono parole per definire chi insulta un ex capo dello Stato e Senatore a vita per aver svolto il suo dovere in quest'Aula", così in un comunicato Maturani, parlamentare dem.

IL maxiemendamento sulla riforma della scuola passa lo scoglio del Senato anche grazie al voto di Giorgio Napolitano, contestato in Aula dal MoVimento 5 Stelle. "Non ci sono parole per definire chi insulta un ex capo dello Stato e Senatore a vita per aver svolto il suo dovere in quest'Aula" scrive la senatrice democratica Giuseppina Maturani in un comunicato.
"So bene che il MoVimento 5 Stelle è a digiuno non solo di democrazia ma anche di basilari nozioni di convivenza civile - commenta dunque nella nota Maturani, parlamentare PD -, ma arrivare a fischiare Giorgio Napolitano per aver esercitato un suo diritto non lo credevamo possibile."
"I senatori del M5S dovrebbero vergognarsi" si legge ancora.
Osserva Giuseppina Maturani: "E' l'ennesimo sfregio alle regole democratiche di cui proprio non sentivamo il bisogno."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: