le notizie che fanno testo, dal 2010

Napolitano:sinistra sia alternativa credibile, o resti all'opposizione

Intervenendo all'incontro "Una riflessione storica su Antonio Giolitti", intellettuale del PCI, Napolitano, pur non riferendosi direttamente al PD, afferma che "chi fa politica oggi a sinistra ed è all'opposizione" dovrebbe riflettere su che cosa significhi "alternativa credibile, affidabile, praticabile".

Ieri il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, è intervenuto presso la Sala Igea di Palazzo Mattei di Paganica, sede della Treccani, all'incontro "Una riflessione storica su Antonio Giolitti", come riporta anche una nota del Quirinale. Intervenendo alla tavola rotonda, presenti tra gli altri Eugenio Scalfari e Giuliano Amato, Napolitano cita alcuni scritti dell'intellettuale del PCI, nipote dello statista liberale Giovanni Giolitti, scomparso solo un anno fa. Pur non riferendosi direttamente al Partito Democratico, la sua analisi sembra potersi rivolgere e collegare all'attuale realtà politica, quando Napolitano afferma che "chi fa politica oggi a sinistra ed è all'opposizione dovrebbe leggere alcuni scritti di Giolitti in cui si spiega cosa significa alternativa credibile, affidabile, praticabile". Il Capo dello Stato sottolinea che senza questo tipo di alternativa la sinistra rischia altrimenti di restare sempre all'opposizione. Collegandosi agli scritti di Giolitti, Napolitano sembra sottolineare infatti che una sinistra che non riesce ad avere una capacità di governo, che propone una alternativa senza alternativa e che non abbia una valutazione chiara sugli obiettivi da raggiungere rischia di rimanere sempre all'apposizione. O meglio, è quasi giusto che "resti all'opposizione". Giorgio Napolitano non manca di sottolineare come poi in questi anni "ci sia stato un più o meno graduale grave impoverimento culturale dei partiti e della loro funzione formativa".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: