le notizie che fanno testo, dal 2010

Napolitano-Berlusconi: contenere le tensioni, a rischio legislatura

Giorgio Napolitano torna sull'incontro avuto ieri con Silvio Berlusconi, sottolineando di aver "insistito sulla necessità di un sforzo di contenimento delle attuali tensioni in assenza del quale sarebbe a rischio la stessa continuità della legislatura".

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano in una nota di oggi torna a parlare dell'incontro avuto ieri con il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, specificando che sulla stampa sono state date "legittime libere interpretazioni" del colloquio ma "in qualche caso anche ricostruzioni fantasiose perfino con frasi virgolettate in effetti mai pronunciate da nessuno dei due interlocutori".
Il Capo dello Stato evidenzia che "si è data particolare attenzione a quella che sarebbe stata la 'temperatura' del colloquio" sottolineando che "ha in effetti visto il serio confronto tra rispettivi punti di vista e argomenti".
La nota diffusa dal Quirinale precisa quindi che se da una parte Giorgio Napolitano "ha insistito su motivi di preoccupazione, che debbono essere comuni, sull'asprezza raggiunta dai contrasti istituzionali e politici, e sulla necessità di un sforzo di contenimento delle attuali tensioni in assenza del quale sarebbe a rischio la stessa continuità della legislatura" dall'altra "si smentisce nettamente che sarebbero state evocate dal Presidente del Consiglio ipotesi di mobilitazioni e reazioni di piazza che si è escluso di aver voluto e voler sollecitare".

© riproduzione riservata | online: | update: 12/02/2011

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Napolitano-Berlusconi: contenere le tensioni, a rischio legislatura
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI