le notizie che fanno testo, dal 2010

Dimissioni Giorgio Napolitano durante il messaggio di fine anno?

Durante il messaggio di fine anno (2014), il Presidente della Repubblica GIorgio Napolitano potrebbe annunciare le proprie dimissioni. Ad anticiparlo è il Corriere della Sera, che lancia già un toto nomi per il successore di Napolitano, includendo Roberta Pinotti, Anna Finocchiaro, Marta Cartabia ma anche Walter Veltroni, Romano Prodi e Pierferdinando Casini.

Alla fine del semestre europeo a guida italiana, il 31 dicembre 2014, Giorgio Napolitano lascerà il Quirinale. Ad annunciare la scelta del Presidente della Repubblica è il Corriere della Sera, che anticipa anche la possibile procedura di dimissioni: "A fine dicembre, durante l’incontro con le alte cariche dello Stato o nel messaggio agli italiani di fine anno, il preannuncio delle imminenti dimissioni. Poi, nel giro di qualche settimana, le dimissioni formali. Da quel momento scatterebbero i 15 giorni previsti per la convocazione delle Camere e la designazione delle deputazioni regionali, prima che i cosiddetti «mille elettori» (ma sono qualcosa di più) comincino a votare per il nuovo inquilino del Quirinale. E scatterebbe pure, anche se le prassi costituzionali non sono univoche, la supplenza da parte della seconda carica dello Stato. Cioè del presidente del Senato, Piero Grasso".
Prima ancora delle dimissioni di Giorgio Napolitano, scatta già il toto nomi per il successore. In tanti vorrebbero al Colle una donna, ed ecco quindi che in lizza entrano Roberta Pinotti, attuale ministro della Difesa, Anna Finocchiaro, che guida la commissione Affari costituzionali del Senato, Marta Cartabia, giudice della Corte Costituzionale. Il Corriere della Sera azzarda anche altri nomi (quasi tutti di area PD e renziani), anche se qualcuno li ritiene davvero poco "papabili": Walter Veltroni, Romano Prodi, Luigi Zanda, Giuliano Amato, Piero Fassino, Dario Franceschini, Pier Carlo Padoan, Sergio Chiamparino, Mario Draghi, Pietro Grasso, Graziano Delrio, Pierluigi Castagnetti, Pierferdinando Casini, Paolo Gentiloni.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: