le notizie che fanno testo, dal 2010

Riforma costituzionale con i bug: anche 18enni al Senato, denuncia Meloni

Giorgia Meloni commenta i bug della riforma costituzionale.

"Tra le tante incongruenze della riforma costituzionale del governo Renzi ce n'è una particolarmente grottesca: se dovesse passare questa pessima riforma, l'età minima per essere eletti deputati resterebbe a 25 anni, mentre per essere nominati al Senato, che vuol dire 'assemblea degli anziani', ne basterebbero 18. Non cercate un senso alla cosa, è solo uno dei tanti 'bug' di questa riforma pasticciata e scritta da incompetenti" commenta in una nota Giorgia Meloni.

"Sulla questione dei limiti di età per essere eletti al Parlamento avevo presentato una proposta di riforma costituzionale quando ero ministro della Gioventù che prevedeva la possibilità di essere eletto alla Camera a 18 (invece che a 25), e a 25 anni al Senato (invece che a 40)" ricorda quindi la leader di Fratelli d'Italia.
"Purtroppo il governo di centrodestra è caduto prima che l'iter della legge si concludesse. Matteo Renzi e il PD - riporta infine -, a parole tanto vicini ai giovani, hanno invece deciso di lasciare il limite di età a 25 anni per la Camera. Un altro motivo per votare no al referendum del 4 dicembre."

© riproduzione riservata | online: | update: 05/10/2016

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Riforma costituzionale con i bug: anche 18enni al Senato, denuncia Meloni
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI