le notizie che fanno testo, dal 2010

Meloni: bad bank? 70% delle sofferenze colpa del 3% dei clienti totali

"Fratelli d'Italia chiede al Governo di imporre alle banche che vorranno avvalersi della garanzia pubblica alcune condizioni precise. Questo perché più del 70% delle sofferenze bancarie sono dovute a prestiti concessi a meno del 3% dei clienti totali", spiega in un comunicato la presidente nazionale di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni.

"Fratelli d'Italia chiede al Governo di imporre alle banche che vorranno avvalersi della garanzia pubblica alcune condizioni precise: 1. divieto di distribuzione dei dividendi per 5 anni; 2. azzeramento dei bonus per amministratori, manager e dirigenti per 5 anni; 3. tetto ai compensi di manager, amministratori e dirigenti delle banche allo stesso livello previsto per i dipendenti pubblici. Questo per evitare che gli italiani che campano con 500 o con 1000 euro al mese si ritrovino, con le loro tasse, a pagare la vita dorata dei banchieri e degli amici di Matteo Renzi" chiarisce in una nota Giorgia Meloni.
"Questo perché è una schifosa menzogna sostenere che le banche sono in difficoltà per colpa delle famiglie e delle imprese che non onorano debiti e mutui. - chiarisce anchea la leader di Fratelli d'Italia - Come dicono chiaramente i dati della Banca d'Italia, infatti, più del 70% delle sofferenze bancarie sono dovute a prestiti concessi a meno del 3% dei clienti totali. Il restante 97% dei clienti, cioè la gente normale, grava solo per il 29% sul totale delle sofferenze. Insomma, se fosse solo per i cittadini comuni non staremmo qui a parlare di bad bank".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: