le notizie che fanno testo, dal 2010

Charlie Gard: no a spending review sulla vita umana, dice Giorgia Meloni

Giorgia Meloni di Fratelli d'Italia plaude alla decisione della Corte europea dei diritti dell'uomo che ha imposto all'Inghilterra di tenere attaccato alle macchine il piccolo Charlie Gard che invece "pensa di poter risparmiare sulla vita dei più deboli".

"Grazie alla Corte europea dei diritti dell'uomo per aver impedito, per ora, che i giudici inglesi staccassero le macchine che tengono in vita il piccolo Charlie, dieci mesi, affetto da una rara malattia genetica" commenta su Facebook Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia.

Strasburgo ha infatti ordinato, in attesa di esaminare il ricorso presentato dai genitori, di tenere attaccato alle macchine e quindi in vita Charlie Gard. I genitori vorrebbero sottoporre il figlio ad una terapia sperimentale, ma che sembra avere margini di successo, negli USA ma i giudici inglesi hanno invece imposto ai medici di staccare le macchine che tengono in vita Charlie Gard perché, a loro giudizio, sarebbe accanimento terapeutico e il bambino soffrirebbe troppo. Senza queste macchine, il piccolo però morirebbe di fame, di sete e non riuscirebbe più a respirare.

"Alla Corte si sono dovuti rivolgere i genitori del neonato, che si battono per tenere in vita il loro piccolo contro uno Stato che, evidentemente, pensa di poter risparmiare sulla vita dei più deboli. - denuncia la Meloni - Spero che la Corte prenda l'unica decisione possibile: difendere la vita di Charlie, fare come chiedono i suoi genitori, lasciare che possano portarlo negli USA per rivolgersi agli specialisti che hanno avviato cure sperimentali per questa malattia. Insomma, dargli una speranza, e dare a chi lo ama la consapevolezza che non ha lasciato nulla di intentato".

"Contro il cinismo delle spending review sulla vita umana, l'infamia di grigi burocrati che pensano di poter decretare la morte dei nostri figli, una società tutta sottosopra nella quale un'occasione si dà anche al pedofilo ma non al bambino malato, io sto con Charlie. Tifo per lui, per i suoi genitori, e una volta tanto per la Corte europea dei diritti dell'uomo" conclude Giorgia Meloni.

© riproduzione riservata | online: | update: 20/06/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Charlie Gard: no a spending review sulla vita umana, dice Giorgia Meloni
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI