le notizie che fanno testo, dal 2010

Giappone: causa Fukushima Tokyo ex capitale? Naoto Kan ci pensa

Tokyo potrebbe diventare l'ex capitale del Giappone a causa dei terremoti e delle radiazioni provenienti da Fukushima. La conferma di una vecchia agenzia stampa potrebbe essere confermata dalla NHK, con nuove parole del premier Naoto Kan all'Upper House Budget Committee di domenica.

Il primo ministro Giapponese Naoto Kan all'Upper House Budget Committee di domenica avrebbe comunicato "che studierà la possibilità di istituire una capitale alternativa che prenda il ruolo di Tokyo in caso di emergenza, dicendo che queste misure devono essere prese per garantire la continuità delle funzioni centrali della capitale"(http://is.gd/p9SV4m). Questa notizia, di cui la fonte sarebbe la televisione di Stato giapponese NHK è ovviamente sconvolgente soprattutto se la si fa collimare con un'altra fonte che giorni fa era apparsa in una agenzia bulgara che citava una fonte russa. La notizia risale al 14 aprile e all'epoca, visto il fatto che non avevamo trovato l'originale ITAR-TASS in cirillico, avevamo deciso di non "riprenderla", ma a questo punto la faccenda si fa interessante. L'agenzia di stampa Novinite (Sofia News Agency, http://is.gd/Fr0vi3) affermava che, "a causa dei terremoti che continuano a scuotere il Giappone e l'aumento delle radiazioni che aumentano vicino Tokyo, le autorità del Giappone stanno considerando di spostare la capitale in un'altra città". Novinite scrive che "Il luogo più probabile per la nuova capitale potrebbe essere Osaka e Nagoya, secondo ITAR-TASS. Entrambe le città si trovano nelle vicinanze degli aeroporti internazionali". Nel breve articolo si legge che "le principali condizioni che la nuova capitale dovrebbe offrire è una popolazione di oltre 50 000 (sic) e una capacità sufficiente di ospitare il parlamento, il governo, la residenza dell'imperatore e le missioni diplomatiche estere".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# aeroporti# Giappone# governo# radiazioni# terremoti