le notizie che fanno testo, dal 2010

Gianroberto Casaleggio è morto. Il M5S da Gaia a Davide?

Gianroberto Casaleggio, cofondatore insieme a Beppe Grillo del MoVimento 5 Stelle, è morto all'età di 61 anni, dopo il decorso di una lunga malattia iniziata nell'aprile 2014 quando fu colpito da un edema al cervello. Pochi giorni fa si accennava già ad una possibile "successione dinastica" nel M5S la cui visione sembrava essere iniziata da Gaia ma che potrebbe svilupparsi con Davide, il figlio di Gianroberto Casaleggio.

"Questa mattina è mancato Gianroberto Casaleggio, il cofondatore del MoVimento 5 Stelle. Ci stringiamo tutti attorno alla famiglia. Gianroberto ha lottato fino all'ultimo". Con queste poche parole Beppe Grillo dal suo blog annuncia la morte di Gianroberto Casaleggio, 61 anni, che nell'aprile 2014 fu colpito da un edema al cervello ma che da circa due settimane era ricoverato (con un nome diverso per tutelare la privacy) presso l'Istituto scientifico auxologico di Milano. I funerali saranno celebrati giovedì 14 aprile. Beppe Grillo ha deciso di annullare, in segno di lutto, lo show teatrale in programma questa sera al Teatro Augusteo di Napoli.

Appena pochi giorni fa, il 7 aprile, sul blog di Beppe Grillo era apparso un post dove Casaleggio assicurava: "Io non mollo e continuerò a battermi insieme a milioni di italiani onesti fino al successo del MoVimento che ho contribuito a fondare. Chi sperava il contrario può mettersi l'anima in pace". Il post era in risposta ad un articolo di Jacopo Jacoboni su La Stampa che descriveva l'aggravarsi delle condizioni di salute del cofondatore del MoVimento 5 Stelle e rivelava che ormai decideva "tutto il figlio" Davide. Da qui l'ipotesi di una sorta di "successione dinastica" nel M5S che aveva indignato anche diversi parlamentari del PD tra cui la senatrice Giuseppina Maturani che in una nota osservava: "In Italia esiste ancora una monarchia e non lo sapevamo. Un'altra bella violazione della nostra Carta che, all'art. 49, dispone esplicitamente la democrazia interna dei partiti".

Jacoboni scriveva inoltre: "Non si può dire che la notizia sia stata accolta col dispiacere umano che ci si aspetterebbe, specialmente nel direttorio dei cinque stelle; personaggi creati proprio da Casaleggio, ma pronti a scalarlo con la brutalità della più classica politica. - ed aggiungeva - C'è un direttore del direttorio; e non è Gianroberto (tanto meno Beppe Grillo) ma il figlio. Nel Movimento a questo punto si delinea una guerra sorda, perché è chiaro che le tante scalpitanti webstar elette, accecate dalla tv e dalla vita romana, accettavano già a stento Gianroberto, figurarsi un giovane che è loro coetaneo". Jacoboni tra le latre cose ricorda che è proprio Davide Casaleggio che "ha inventato il sistema dei clic e dei siti-satellite, è lui che ha trasformato il blog in una macchina pubblicitaria, che fa guadagni".

E forse è stato anche tra gli autori del video "Gaia - The future of politics" postato dalla Casaleggio Associati nel 2008 ma che, dopo l'ascesa dei pentastellati, ha precisato il fatto che "non rispecchia in alcun modo le intenzioni o la volontà né di Casaleggio, né del MoVimento 5 Stelle". Nel visionario video si immagina infatti la creazione di un Nuovo Ordine Mondiale dove "la democrazia della Rete trionfa" non prima però di aver distrutto "i simboli dell'Occidente" cioè le più imponenti Basiliche della Chiesa Cattolica. Nel Nuovo Ordine Mondiale di Gaia, infatti, "partiti, politica, ideologie, religioni scompaiono" perché "l'uomo è l'unico fautore del proprio destino". Ora Gianroberto Casaleggio saprà se è davvero così.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: