le notizie che fanno testo, dal 2010

Vertice Asem: Fratelli d'Italia non gradisce presenza premier cinese Li Keqiang

Il premier cinese Li Keqiang ricambia la visita del primo ministro Matteo Renzi a Pechino e approda in Italia, tra Roma e Milano, per il vertice Asem. Fratelli d'Italia-Alleanza nazionale definisce però come "non gradita" la presenza di Li Keqiang in Italia.

Il premier cinese Li Keqiang ricambia la visita del primo ministro Matteo Renzi a Pechino e approda in Italia, tra Roma e Milano, dove parteciperà al decimo vertice tra Europa e Paesi asiatici. Fratelli d'Italia-Alleanza nazionale definisce "non gradita" la presenza di Li Keqiang in Italia per il vertice Asem, nonostante il caldo "benvenuto dell'alta finanza e dei giornali affiliati". In una nota, il capogruppo di FdI-An alla Camera Fabio Rampelli afferma infatti: "Noi non dimentichiamo Tienanmen, di cui quest'anno si è commemorato (ma non nel Parlamento italiano) il 25mo anniversario, né dimentichiamo le riforme che il Partito comunista ha negato al popolo cinese, costringendolo in catene. Abbiamo in memoria i Lao Gai, terribili campi di lavoro forzato sui quali il mondo occidentale ha calato la cortina di silenzio, così come non ci arrendiamo all'inevaso è legittimo desiderio d'indipendenza e libertà del Tibet. Ma soprattutto non dimentichiamo Hong Kong e la rivoluzione degli Ombrelli, un'occasione di cambiamento trasformata in tragedia dal dittatore testardo e ottuso". Rampelli conclude: "All'albero sempre verde dell'amicizia Cina-Italia, come la definisce Li Keqiang, preferiamo l'albero sempre verde della libertà, anche se la vigliaccheria del mondo politico e culturale italiano è senza limiti".