le notizie che fanno testo, dal 2010

Rampelli (FdI): non serve concorso scuola, inserire abilitati in Gae

"La premiata ditta sfascia-scuole ci racconta l'ennesima fandonia, che non convince neppure la stessa maggioranza viste le polemiche dei giorni scorsi con il PD: la riforma delle classi di concorso", così in un comunicato Fabio Rampelli, deputato di Fratelli d'Italia.

"Che le supplenze siano finite lo vada a raccontare alle famiglie e agli studenti. Vediamo come reagiscono. Matteo Renzi è veramente afflitto da cecità politica frutto di una visione narcisistica che lo porta a falsificare la realtà secondo la sua fervida immaginazione. La realtà gliela raccontiamo noi" chiarisce in una nota Fabio Rampelli, esponente di Fratelli d'Italia, dopo l'annuncio dell'imminente pubblicazione del bando del concorso scuola.
"Ci sono migliaia di precari abilitati che lavorano da mesi, chiamati come supplenti nonostante le sbandierate assunzioni, con la beffa di non percepire stipendi. - precisa quindi Rampelli - Per la tredicesima questi insegnanti hanno ricevuto la cifra di 1 euro (un euro). Questa è la realtà che Renzi non racconta. Per fortuna inizia ad accorgersene anche la stampa. Fallimento ammesso recentemente in una intervista dallo stesso ministro".
"La premiata ditta sfascia-scuole ci racconta l'ennesima fandonia - denuncia -, che non convince neppure la stessa maggioranza viste le polemiche dei giorni scorsi con il PD: la riforma delle classi di concorso. Dopo aver atteso diverso tempo il parere del Consiglio dei Ministri, a lungo rinviato, la modifica delle nuove classi di concorso si è rivelata un vero pasticcio, per ammissione della stessa deputata PD Manuela Ghizzoni. Lo stesso parere del Consiglio superiore della pubblica istruzione, voluto da Renzi, sarà non vincolante per la fretta di emanare un concorso del quale nessuno, neanche gli stessi partecipanti, sente la necessità."
"C'è da chiedersi il motivo di tanta premura da parte del governo - prosegue Rampelli -, dal momento che esistono almeno 80.000 abilitati di Stato che potrebbero essere assunti a tempo indeterminato già domani mattina se avessero accolto la nostra proposta d'inserirli in Gae, cosa che chiediamo con l'emendamento presentato oggi al mille-proroghe. Le famiglie che ne avrebbero beneficiato si sarebbero ritrovate con questi docenti e con la copertura delle materie di cui hanno bisogno i nostri ragazzi nelle scuole".
"Il concorso che sarà presto bandito è solo un altro modo per lucrare sulla pelle dei precari, senza permettergli l'agognata stabilizzazione. - conclude il parlamentare - Noi ci opporremo a questo scempio è presto andremo a dirlo anche al ministro".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: