le notizie che fanno testo, dal 2010

Frattini: Gheddafi a L'Aia per crimini contro umanità. No a vendette

Il ministro degli Esteri Franco Frattini afferma che il colonnello Gheddafi, se e quando sarà catturato, dovrà essere "giudicato dal tribunale penale internazionale dell'Aia per crimini contro l'umanita".

Il ministro degli Esteri Franco Frattini ribadisce un concetto che in questi giorni è stato espresso da più parti politiche, anche internazionali, e cioè che il colonnello Gheddafi, se e quando sarà catturato, dovrà essere "giudicato dal tribunale penale internazionale dell'Aia per crimini contro l'umanita", come spiega a Sky Tg24, mentre i libici potrebbero processarlo nei loro tribunali "per altri capi d'imputazione nazionali". In una intervista rilasciata alla Bbc World News, Frattini continua su questa linea di pensiero, sottolineando che i ribelli non devono infatti cadere nella tentazione di effettuare "rappresaglie" né tantomeno "vendette", invitandoli a rimanere nello "stato di diritto". Franco Frattini sembra comunque essere convinto che la fuga di Gheddafi non potrà durare a lungo, visto che ormai è "asseragliato", spiegando che il rais a questo punto dovrebbe non solo evitare di continuare ad inviare messaggi di incitamento ai suoi sostenitori ma anche decidersi ad arrendersi, visto che secondo il ministro degli Esteri ormai il dittatore starebbe utilizzando per la sua battaglia solo dei "mercenari".

© riproduzione riservata | online: | update: 26/08/2011

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Frattini: Gheddafi a L'Aia per crimini contro umanità. No a vendette
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI