le notizie che fanno testo, dal 2010

Francia, legge di bilancio 2015: il 3% deficit-Pil solo nel 2017

La Francia ha presentato la sua legge di bilancio per il 2015, chiarendo che non rispetterà i vincoli del 3% deficit-Pil come richiede invece l'Europa. Michel Sapin, il Ministro delle finanze e dei conti pubblici francese, chiarisce infatti che il deficit del 2014 si attesterà al 4,4% del Pil e solo nel 2017 tornerà entro il limite previsto dalle norme europee del 3%, cioè al 2,8%

La Francia ha presentato la sua legge di bilancio per il 2015, chiarendo che non rispetterà i vincoli del 3% deficit-Pil come richiede invece l'Europa. Michel Sapin, il Ministro delle finanze e dei conti pubblici francese, chiarisce infatti che il deficit del 2014 si attesterà al 4,4% del Pil, e appena sotto, al 4,3%, l’anno prossimo. Per il 2016 è previsto invece che scenda al 3,8% e solo nel 2017 tornerà entro il limite previsto dalle norme europee del 3%, cioè al 2,8%. La Francia annuncia che solo per il 2019 è previsto il pareggio di bilancio. La Francia quindi non sembra aver timore di ridurre il deficit con il tempo e rispetto all'andamento del PIL vista la crisi, con Sapin che ammette che le prospettive economiche "non sono quelle previste qualche mese fa". Sarà la Commissione UE a doversi pronunciare sul bilancio della Francia e sul non rispetto degli impegni europei, attraverso il francese Pierre Moscovici, ex ministro dell’Economia e nuovo commissario per gli Affari economici di Bruxelles.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: