le notizie che fanno testo, dal 2010

Francia: affondano banche. Sarkozy: rispetteremo riduzione del deficit

I mercati colpiscono anche la Francia, anche a causa di voci che parlno di un suo possibile downgrade, subito smentito. Ma i cugini d'oltralpe mantengono la calma e Sarkozy rassicura: "L'impegno a ridurre il deficit pubblico è inviolabile e sarà rispettato".

"Si parla di un possibile downgrade per la Francia, che sembra essere il prossimo bersaglio su tutti i radar, quindi si vendono le banche francesi" spiega alla Reuters un trader londinese. In realtà le voci di un downgrade della Francia sono assolutamente smentite, in primis dalle tre maggiori agenzie di rating (S&P, Moody's e Fitch), ma ciò non basta per far affondarein Borsa le banche francesi. E così Nicolas Sarkozy è stato costretto a tornare a Parigi interrompendo le vacanze, e convocare un vertice sulla situazione economica e finanziaria, a cui ha partecipatp anche il Governatore della Banca di Francia, Christian Noye. Sarkozy lascia ad un comunicato stampa il compito di anticipare le mosse del governo, anche perché la linea che sembra voler seguire la Francia è quella della "calma" per non "agitare" i mercati (al contrario di quanto sta facendo l'Italia). "Il Capo dello Stato - si legge nel breve comunicato - ha ribadito che l'impegno a ridurre il deficit pubblico è inviolabile e sarà rispettato indipendentemente da come evolverà la situazione economica". Al ministro dell'Economia, Francois Baroin, è stato inoltre affidato il compito di disporre un pacchetto di misure anti-deficit, che saranno discusse durante il vertice fissato per il 24 agosto prossimo. Nicolas Sarkozy annuncia poi di avere intenzione di voler introdurre in Costituzione una legge sul vincolo del pareggio di bilancio, che ultimamente sembra essere la norma più in voga da voler adottare. Tanto che qualcuno comincia già a sentire puzza di bruciato.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: