le notizie che fanno testo, dal 2010

Figlio Totò Riina a Porta a Porta: spiegazioni Verdelli non convincenti, dice Verducci (PD)

"La vicenda dei Casamonica ospiti a 'Porta a Porta' evidentemente non ha insegnato nulla alla Rai, se dopo sei mesi sempre a 'Porta a Porta' si è fatto un altro passo falso con l'intervista a Riina. La risposta data in Vigilanza dal Direttore Verdelli è che il via libera è stato dato per non sottostare alle critiche della politica. Argomento singolare", afferma in un comunicato il politico PD Francesco Verducci.

"La vicenda dei Casamonica ospiti a 'Porta a Porta' evidentemente non ha insegnato nulla alla Rai, se dopo sei mesi sempre a 'Porta a Porta' si è fatto un altro passo falso con l'intervista al figlio di Totò Riina. La questione non è fare inchieste sulla mafia, anzi ben vengano. Il problema è derubricare la mafia al registro dell'amore filiale e dei valori familiari nei programmi di informazione/intrattenimento, come è 'Porta a Porta'. Per sconfiggere la mafia bisogna vincere contro la sottocultura mafiosa che si nutre proprio di spettacolarizzazione" segnala in un comunicato il parlamentare PD Francesco Verducci.
Riferisce dunque: "Per questo il 'Porta a Porta' con Riina non c'entra nulla con la mission del servizio pubblico, e non si capisce perchè i vertici Rai abbiano avallato un'operazione del genere. La risposta data in Vigilanza dal Direttore Verdelli è che il via libera è stato dato per non sottostare alle critiche della politica. Argomento singolare."
"Vorrei ricordare al Direttore Verdelli che - osserva infine: 1. sarebbe stato suo compito evitare che si ponessero le condizioni per un altro caso 'Casamonica', peggiore del primo e con grave perdita di credibilità per la Rai, mandando in onda un'intervista che la stessa Presidente Maggioni ha definito 'insopportabile'; 2. la Commissione di Vigilanza nella riunione tenutasi prima di 'Porta a Porta' ha rigettato le richieste di alcuni parlamentari di stoppare la messa in onda della trasmissione, ma oggi dopo aver visionato il programma si è espressa con molti suoi membri con una critica severa dell'accaduto senza ricevere risposte adeguate."
"Dispiace dirlo ma infortuni come questo generano grande senso di frustrazione nei cittadini che pagano il canone. La Rai è un grande bene pubblico - riflette in ultimo -, non può sbagliare su questo terreno."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: