le notizie che fanno testo, dal 2010

Francesco Schettino piange con De Falco: "capitan Codardo" su Youtube

L'incidente della Costa Concordia, naufragata nei pressi del posto dell'Isola del Giglio, è sulla bocca di tutto il mondo, come il nome di Francesco Schettino, che in una animazione in computer grafica 3D della Next Media Animation viene descritto come "capitan codardo".

Francesco Schettino, il comandante della Costa Concordia naufragata il 13 gennaio nei pressi dell'Isola del Giglio per aver urtato uno scoglio che ha squarciato un lato della gigantesca nave, è ormai conosciuto in tutto il modo. La vicenda della Concordia ha suscitato stupore e indignazione in molti Paesi, soprattutto in quelli coinvolti maggiormente nella tragedia, alcuni dei quali attendono ancora notizie dei loro connazionali. Gli audio, poi, delle telefonate intercorcorse tra il capo della sezione operativa della Capitaneria di porto di Livorno, Gregorio De Falco, e Francesco Schettino hanno infine contribuito a delineare la figura del comandante della Concordia, definito soprattutto da molti utenti della Rete, Twitter e Facebook in testa, come "vile", "fifone" e "codardo", come lo definisce in maniera particolare una animazione in computer grafica 3D della compagnia Next Media Animation (NMA.tv), la stessa che ha narrato la vita di Steve Jobs in 90 secondi (http://is.gd/qPsDM0) e le gesta di Silvio Berlusconi alle prese con il "bunga bunga" (http://is.gd/3qMeBr). La Next Media Animation non poteva quindi perdere l'occasione di creare un nuovo video sull'antieroe italiano, descritto addirittura come "l'uomo più odiato d'Italia" e fornendo una versione della vicenda che però, a ben vedere, deve essere ancora confermata dalla magistratura. Il video in questione (http://www.youtube.com/watch?v=9RiVd4fTfNE) inizia ricordando come il capitano del ben più celebre e sfortunato Titanic affondò (in questo caso sulle note di "My Heart Will Go On" di Céline Dion) insieme alla sua nave mentre donne e bambini venivano messi in salvo. La scena successiva narra invece di un Francesco Schettino alle prese con spericolate manovre esibizionistiche per impressionare i passeggeri e la flotta, ma pavido nell'affrontare il pericolo. Nel video della NMA vengono ricordate anche le telefonate tra Francesco Schettino e Gregorio De Falco, con "capitan codardo" che invece di far salire sulla scialuppa i passeggeri si cala da solo, per poi frignare come un bambino quando De Falco gli impone l'ormai famoso ordine: "Vada a bordo, cazzo!". Il video si chiude domandandosi se Schettino, infine, verrà dato o meno in pasto agli squali. Per adesso, sicuramente, è in pasto ai media.