le notizie che fanno testo, dal 2010

Francesco Schettino: ho fatto un guaio. 10 telefonate dopo l'impatto

Francesco Schettino avrebbe telefonato diverse volte con l'Unità di crisi della Costa Crociere. Gli inquirenti stanno quindi cercando di comprendere se oltre al comandante della Costa Concordia anche altri hanno delle responsabilità in merito all'incidente, soprattutto nella parte che riguarda l'evacuazione dei passeggeri.

"Ho fatto un guaio!" avrebbe detto Francesco Schettino subito dopo che la Costa Concordia ha impattato con lo scoglio dell'Isola del Giglio, che ha provocato alla nave uno squarcio lungo una settantina di metri. Sarebbe lo stesso Francesco Schettino a riferirlo al gip nel corso dell'interrogatorio di garanzia, rivelando che subito dopo l'urto ci furono 10 telefonate con l'Unità di crisi della Costa Crociere. Un particolare che potrebbe risultare molto importante, soprattutto per definire chiaramente le responsabilità sull'incidente. Francesco Schettino avrebbe spiegato alla Costa Crociere, almeno stando ad indiscrezioni di stampa, che la Concordia avrebbe "toccato il fondale". Nelle 10 telefonate intercorse, quindi, c potrebbe essere una parte di verità sul perché l'ordine di evacuazione sarebbe stato dato così in ritardo. Sembra che gli investigatori si siano già mossi per ottenere i tabulati di queste telefonate. La Costa Crociere, da parte sua, spiegherebbe che nel corso di quelle telefonate Francesco Schettino non avrebbe messo l'Unità di crisi al corrente della vera gravità dell'incidente, sottolineando quindi che qualsiasi consiglio l'azienda avesse dato in quei frangenti sarebbe stato comunque viziato da una mancanza di informazioni corrette.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: