le notizie che fanno testo, dal 2010

Scalia (PD): ispirarsi a lungimiranza Aldo Moro per affrontare compiti storici enormi

"Trentotto anni fa, in via Fani a Roma, le Brigate Rosse sequestravano Aldo Moro e trucidavano i cinque uomini della scorta. L'Italia è ancora di fronte a compiti storici enormi, non minori di quelli degli anni 70, che è necessario affrontare ispirandosi anche alla lungimiranza e alla generosità dei grandi uomini di Stato, come appunto Aldo Moro", fa sapere in una nota il politico PD Francesco Scalia.

"Trentotto anni fa, in via Fani a Roma, le Brigate Rosse sequestravano Aldo Moro e trucidavano i cinque uomini della scorta. Quel sequestro si concluse 55 giorni dopo con l'uccisione del presidente della Democrazia Cristiana. Fatti che hanno profondamente segnato la vita politica e civile della giovane Repubblica italiana. Al di là del dolore privato delle famiglie delle vittime, la follia terrorista provocò il dolore e l'indignazione della stragrande maggioranza del popolo italiano, di ogni colore politico" riporta in una nota il senatore PD Francesco Scalia.
"Non avevo ancora sedici anni - ricorda -, muovevo i primi appassionati passi nella politica e quei giorni di lutto nazionale li ricordo benissimo. Giorni in cui il dolore generale per la tragica morte di uomini in carne ed ossa si accompagnava a quello generato dalla consapevolezza che con la morte di Aldo Moro si tentava con le P38 di porre termine ad una visione strategica e lungimirante del cammino e dello sviluppo delle istituzioni repubblicane. Fortunatamente grazie al concorso di un intero popolo, in tutte le sue articolazioni politiche, sindacali e civili, quel percorso, anche se ha subito un rallentamento, non si è interrotto".
"Il terrorismo domestico è stato sconfitto e l'Italia è ancora in cammino, come sperava Aldo Moro, verso sempre più importanti traguardi di benessere diffuso, di uguaglianza e di democrazia reale. - afferma il parlamentare - Oggi lo scenario mondiale si è profondamente modificato rispetto a quei giorni. Tuttavia l'Italia è ancora di fronte a compiti storici enormi, non minori di quelli degli anni 70, che è necessario affrontare ispirandosi anche alla lungimiranza e alla generosità dei grandi uomini di Stato, come appunto Aldo Moro. A trentotto anni dalla morte penso sia il modo migliore per ricordarlo, a noi stessi e alle giovani generazioni."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: