le notizie che fanno testo, dal 2010

Unioni civili, Gasparri contro Lo Giudice: se i figli si comprano, poi si possono anche vendere

Duro scontro al Senato tra Maurizio Gasparri e l'esponente PD Sergio Lo Giudice. Il senatore di Forza Italia infatti esordito sostenendo che il ddl sulle unioni civili serve a Lo Giudice, che ha avuto un figlio all'estero da una madre surrogata.

Duro scontro al Senato tra Maurizio Gasparri e l'esponente PD Sergio Lo Giudice. Il senatore di Forza Italia infatti esordito sostenendo che il ddl sulle unioni civili dovrebbe essere intestato a Lo Giudice e non alla senatrice Cirinnà, spiegando: "Stiamo facendo tutto questo, in particolare con l'articolo 5 (sulla stepchild adoption, ndr), perché serve a Lo Giudice. - sottolineando - Ho letto un articolo di Belpietro che trascrive una conversazione televisiva tra lui e Lo Giudice, che non ha risposto sul costo dell'acquisto del famoso bambino comprato".

Sergio Lo Giudice, omosessuale con un compagno, ha avuto un figlio all'estero da una madre surrogata, e nel corso de La Telefonata di Maurizio Belpietro non ha voluto rispondere se ha pagato la donna che ha partorito il bambino, spiegando solo: "Quella donna è entrata a far parte della nostra vita con cui abbiamo concordato che lei diventerà importante nella vita di nostro figlio". "La legge per comprare i bambini - ha quindi insistito Gasparri - non si può fare". Dopo che la senatrice Mussini ha gridato "lascia stare i bambini", Gasparri ha replicato: "Bisogna lasciare stare i bambini, sono d'accordo. Non sono io che li compro. I bambini non si comprano, perché altrimenti poi si possono anche vendere".

Il senatore PD Francesco Russo in una nota attacca però Gasparri affermando che "ci si è abbassati al livello di citare e tirare in mezzo bambini in un dibattito che non ha bisogno di una gogna mediatica. - aggiungendo - Ci sono modalità diverse con cui poter procedere e non vorrei davvero che fossimo costretti a chiedere un intervento disciplinare nei confronti dei colleghi che trascendono i toni del dibattito".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: