le notizie che fanno testo, dal 2010

Riforma Senato, Caliendo: Costituzione non prevede elezione indiretta

"L' esempio francese da più parti sollevato per giustificare l' elettività di secondo grado, non tiene conto che l' art. 3 della Costituzione francese prevede espressamente il suffragio diretto o indiretto, cosa che la nostra Costituzione non consente", sottolinea in una nota il senatore forzista Giacomo Caliendo, commentando la riforma del Senato.

"E' la stessa Costituzione all' art. 1 a garantire l' elezione diretta dei parlamentari, affermando che la 'sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione'. Una diversa configurazione del Senato sarebbe soggetta al giudizio di conformità della Corte Costituzionale, cui è demandato il ruolo di giudicare anche le leggi costituzionali se violano i valori supremi sui quali si fonda la nostra Carta" ricorda in una nota Giacomo Caliendo, senatore di Forza Italia, commentando la riforma del Senato.
L'esponente forzista quindi prosegue: "L' esempio francese da più parti sollevato per giustificare l' elettività di secondo grado, non tiene conto che l' art. 3 della Costituzione francese prevede espressamente il suffragio diretto o indiretto, cosa che la nostra Costituzione non consente. - concludendo - Non si lamenti Renzi dell'accusa che questa sia una riforma autoritaria. Lo è appunto mentre esclude il corpo elettorale dalla possibilità di eleggere i senatori, i quali, guarda caso sarebbero investiti anche della funzione di approvare le modifiche costituzionali".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: