le notizie che fanno testo, dal 2010

Milleproroghe, Russo (Forza Italia): no a fiducia, non c'è norma che si regga da sola

"Il governo Renzi era quello della semplificazione. Centinaia sono i richiami legislativi che si rifanno ad altre norme, che a loro volta si rifanno ad altre. Bella questa semplificazione", comunica in una nota Paolo Russo, deputato di Forza Italia, intervenendo sul decreto Milleproroghe.

"Il governo Renzi era quello della semplificazione. Centinaia sono i richiami legislativi che si rifanno ad altre norme, che a loro volta si rifanno ad altre. Bella questa semplificazione" osserva in una nota il deputato di Forza Italia Paolo Russo, intervenendo sul decreto Milleproroghe.
"Eravate il governo della sburocratizzazione. Centinaia sono gli adempimenti che si alimentano con le norme che andate di volta in volta a prorogare, a carico di imprese e di famiglie. - spiega - Eravate il governo della celerità: l'età media delle proroghe è di quattro anni, e la ripetitività degli argomenti mediamente ha superato gli undici anni. Eravate il governo della immediatezza: non vi è nessuna norma modificata, nessuna, che si regga da sola. Anzi, spesso attenderemo ulteriori atti, decreti legislativi e quant'altro. Insomma, la complicazione fatta norma. Eravate il governo della innovazione, vi siete ripetuti anche con qualche atteggiamento melanconico, come prima, peggio di prima. Con proroghe di termini già scaduti, avete trasformato l'essenza stessa del decreto Milleproroghe".
"Furbizia legislativa? Semplicemente irresponsabilità, che diventa programma di governo. - denuncia il parlamentare - Superficialità che si alimenta nel vuoto, sicuramente complicazioni per le famiglie e i cittadini. Avevamo espresso il nostro giudizio critico, severo, polemico, in discussione generale, ma sub iudice. Ci aspettavamo che ciò che non era stato consentito in Commissione, per un ottuso atteggiamento di chiusura del governo, sarebbe stato consentito qui in Aula. Niente, invece. Avete posto la questione di fiducia, blindando il provvedimento nella assoluta irragionevolezza. Con questa norma dimostrate di essere incapaci e pasticcioni. Non mi meraviglio, non è la prima e temo che non sarà l'ultima volta. Votiamo no contro questo governo e contro questo modo di legiferare".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: