le notizie che fanno testo, dal 2010

Gasparri: 3 miliardi alla Turchia? Ma Erdogan è ambiguo su ISIS

"Quando la Turchia dialogava con l'Occidente e cercava di svolgere un ruolo positivo e costruttivo forse valeva la pena investire in quel Paese. Ma oggi che Erdogan è ambiguo nei confronti dell'ISIS, che sembra usare profughi e clandestini per indebolire il mondo occidentale è davvero assurdo ragalargli 3 miliardi di euro", da FI una nota di Maurizio Gasparri.

"Quando la Turchia dialogava con l'Occidente e cercava di svolgere un ruolo positivo e costruttivo forse valeva la pena investire in quel Paese. Ma oggi che Recep Tayyip Erdogan è ambiguo nei confronti dell'ISIS, che sembra usare profughi e clandestini per indebolire il mondo occidentale è davvero assurdo ragalargli 3 miliardi di euro per attuare politiche che non farebbe" osserva in una nota Maurizio Gasparri.
"Dobbiamo chiudere le nostre frontiere, attuare un blocco navale nel Mediterraneo, assumere un atteggiamento più deciso e severo nei confronti dei clandestini di ogni tipo. Non regalare soldi alla Turchia senza alcuna garanzia di un corretto uso di quelle risorse. - sottolinea il senatore di Forza Italia - La stessa Italia parteciperebbe a questo regalo con centinaia di milioni che invece andrebbero subito destinati alle forze di polizia, alle quali Matteo Renzi riserva soltanto una presa in giro".
"Non si sa ancora come intenda concretamente agire su questo fronte. - chiarisce infatti Gasparri - Parla di 80 euro solo per alcuni quando il solo rinnovo dei contratti, ordinato dalla Corte Costituzionale con sentenza a giugno, richiederebbe ben altre risorse. Non regaliamo soldi alla Turchia, diamoli alle forze di polizia italiane. Diciamolo con chiarezza fin dalla discussione in corso sulla legge di stabilità alla Camera."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: