le notizie che fanno testo, dal 2010

Forza Italia, Gasparri: nessuna norma in legge stabilità per soldi alla sicurezza

"Aveva detto Matteo Renzi che avrebbe stanziato i soldi per la sicurezza. Ma queste proposte del presidente del Consiglio non si traducono ancora in norme da inserire all'interno della legge di stabilità. E quelle annunciate sono ambigue e inadeguate", spiega in una nota l'esponente azzurro Maurizio Gasparri.

"Aveva detto Matteo Renzi che avrebbe stanziato i soldi per la sicurezza. Ma queste proposte del Presidente del Consiglio non si traducono ancora in norme da inserire all'interno della legge di stabilità" avverte in una nota Maurizio Gasparri, aggiungendo: "E quelle annunciate sono ambigue e inadeguate".
"Buttare un miliardo per le comunità di immigrati - prosegue nella nota il senatore di Forza Italia -, questo vorrebbe dire spendere per una non precisata cultura, sarebbe un'offesa agli italiani. Il miliardo per la sicurezza, assorbito in buona parte da esigenze militari, per gli armamenti della difesa, e da tecnologie per il controllo dei transiti nel nostro Paese, lascerebbero solo le briciole per i trattamenti economici del personale".
Gasparri quindi ricorda che "la Corte Costituzionale da giugno ha imposto lo sblocco dei contratti anche per il comparto sicurezza difesa", chiarendo: "Servono risorse cospicue ed adeguate. Forza Italia le ha chieste al Senato e si è sentita dire di no dal Governo Renzi. Ora tornerà all'attacco nella discussione in corso alla Camera".
"Ma Renzi fin qui ha solo fatto annunci, conferenze stampa, recite televisive, com'è nel suo costume. - conclude l'esponente forzista - Servono fatti, soldi per proteggere gli italiani e per rispettare i diritti del personale in divisa."

© riproduzione riservata | online: | update: 09/12/2015

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Forza Italia, Gasparri: nessuna norma in legge stabilità per soldi alla sicurezza
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Il sito utilizza cookie di 'terze parti', se prosegui la navigazione o chiudi il banner acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickquiCHIUDI