le notizie che fanno testo, dal 2010

Disastro di Marcinelle, Razzi: mantenere viva la memoria

"Sono passati 59 anni da quell' 8 agosto in cui morirono 262 minatori, di cui 136 italiani e 62 abruzzesi miei compaesani 23 dei quali di Manoppello ( Pescara )" ricorda Antonio Razzi, senatore di Forza Italia e segretario della Commissione esteri, evocando il disastro di Marcinelle.

"Sono passati 59 anni da quell' 8 agosto in cui morirono 262 minatori, di cui 136 italiani e 62 abruzzesi miei compaesani 23 dei quali di Manoppello ( Pescara )" ricorda Antonio Razzi, senatore di Forza Italia e segretario della Commissione esteri, evocando il disastro di Marcinelle.
"Momenti come questi rivestono un' importanza e un valore di grande rilievo, mantengono viva la memoria e rendono onore a chi non c'è più, a quelle persone che con grande spirito di sacrificio hanno saputo mantenere alto il nome dell' Italia nel mondo. - prosegue l'esponente azzurro - Come dimenticare le vittime di quel disastro. L' 8 agosto è una data che il compianto Mirko Tremaglia volle storica, 'Giornata Nazionale del Sacrificio del Lavoro Italiano nel Mondo'. A lui dobbiamo questo appuntamento annuale".
"E nel ricordare queste vittime - aggiunge Razzi - voglio ringraziare tutto il popolo abruzzese, che oggi come 59 anni fa, ha dimostrato di avere una dignità e una forza esemplari. La tragedia di Marcinelle come il terremoto de L'Aquila hanno segnato indelebilmente la storia di un popolo e di una intera regione, ma da questi eventi dobbiamo ripartire per poter garantire alle generazioni future una storia migliore".
Il parlamentare forzista quindi conclude: "Quest' anno ricorre il centenario della Grande Guerra '15-'18 che fu un bagno di sangue. Che mai più avvengano cose del genere. Questo è il mio personale auspicio".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: