le notizie che fanno testo, dal 2010

Lewis Hamilton: scuse e "massimo rispetto" a Massa e Maldonado

Arrivano le scuse dal campione della Vodafone McLaren Mercedes a Massa e Maldonado, definiti da Hamilton "piloti ridicoli", vittime dell'irruenza (e per alcuni prepotenza) del giovane pilota al GP di Monaco. Le scuse ovviamente arrivano via Twitter, anche nei confronti dei fan.

Per Lewis Hamilton il detto "calma e gesso" ha probabilmente significato solamente per il suo simulacro, che migliaia di turisti possono ammirare ogni anno da Madame Tussauds di Londra. Per il resto, per l'Hamilton in carne ed ossa, Campione del Mondo F1 nel 2008, che fa sapere che per lui preferibile "smettere" che "cambiare", l'impulsività è una marcia che, qualche volta, crea problemi sia dentro che fuori pista. Si è potuto vedere al Gran Premio di Monaco quando ha tamponato la Ferrari di Felipe Massa e la Williams di Pastor Maldonado e soprattutto quando, dopo aver definito i due avversari come "piloti ridicoli" e, furibondo per il fatto di aver preso 20 secondi di penalità (che oltretutto non hanno cambiato per nulla il suo ordine di arrivo) ha detto anche, sarcasticamente, "Ce l'hanno con me perché sono nero". Lewis Hamilton, nuovamente fidanzato con Nicole Scherzinger, la cantante delle Pussycat Dolls, dopo essersi liberato dell'adrenalina però ci ripensa e davanti a Twitter, il 30 maggio, rilascia cinguettii di pace sia per Massa che per Maldonado e ovviamente per tutti i suoi numerosissimi fans (circa 250mila su Twitter). Vale la pena di trascriverli per il colorito sintetico slang: "I would also like to say thank u 2 everyone on here, 4 their positive messages & also 2 the angry messages. I can respect them both" e "2 Massa & Maldonado, with the greatest respect I apologise if I offended u. Both of u r fantastic drivers who I regard highly".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: