le notizie che fanno testo, dal 2010

Reggio Calabria: sequestrato gregge di pecore e capre affetto da brucellosi

"Una pattuglia del Comando Stazione Forestale di San Roberto allertata da una segnalazione della Polizia di Stato, ha sorpreso un pastore di anni 70, che conduceva un gregge di pecore e capre in una zona vietata al pascolo in località Bocale del Comune di Reggio Calabria", segnala in un comunicato il Corpo Forestale dello Stato.

"Una pattuglia del Comando Stazione Forestale di San Roberto - viene diffuso in un comunicato dai Forestali -, operante nell'ambito dei servizi di controllo del territorio predisposti dal Comando Provinciale di Reggio Calabria, allertata da una segnalazione della Polizia di Stato, ha sorpreso un pastore di anni 70, che conduceva un gregge di pecore e capre in una zona vietata al pascolo in località Bocale del Comune di Reggio Calabria."
"Sembrava una consueta faccenda di pascolo abusivo, frequente nella zona, ma gli agenti questa vota fanno una scoperta inquietante. Il gregge, composto da circa 70 capi, era stato posto dall'Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria in quarantena poiché facente parte di una mandria in cui circa 130 capi erano già stati abbattuti poiché contagiati dalla Brucellosi. La legge dispone che i capi di bestiame, non risultati positivi ai controlli, restino sotto stretta quarantena fino a che le Autorità Sanitarie competenti, dopo ripetuti controlli sierologici non ne certifichino la sanità" prosegue il Corpo Forestale dello Stato.
"In questo caso il gregge in quarantena era stato portato al pascolo, rischiando così di diffondere l'agente infettivo nel caso di infezione latente del bestiame, anche contro il volere della proprietaria degli animali stessi, familiare del pastore denunciato, la quale dichiarandosi completamente estranea ai fatti, ha fornito alla pattuglia forestale tutta la documentazione sanitaria in suo possesso. Il pastore è stato quindi denunciato all'Autorità Giudiziaria per i reati di cui all'art. 500 e 650 del codice penale concernenti le norme riguardo la prevenzione della diffusione di malattie degli animali e delle piante e l'inosservanza dei provvedimenti di Autorità" spiega infine il CFS.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: