le notizie che fanno testo, dal 2010

Forestale: ok controlli su vino Dop "Cinque Terre" e "Cinque Terre Sciacchetrà"

"Come consuetudine, anche al fine di favorire il mantenimento ed il recupero dell'attività agricola ed assicurare la conservazione, il restauro e la valorizzazione del paesaggio storico agrario, il personale del Corpo forestale dello Stato ha controllato l'intera produzione del vino DOP 'Cinque Terre' e 'Cinque Terre Sciacchetrà', esclusiva dei vigneti del Parco Nazionale delle Cinque Terre", viene divulgato in un comunicato del CFS.

"Come consuetudine - viene spiegato in un comunicato dei Forestali -, anche al fine di favorire il mantenimento ed il recupero dell'attività agricola ed assicurare la conservazione, il restauro e la valorizzazione del paesaggio storico agrario, il personale del Corpo Forestale dello Stato ha controllato l'intera produzione del vino DOP 'Cinque Terre' e 'Cinque Terre Sciacchetrà', esclusiva dei vigneti del Parco Nazionale delle Cinque Terre."
"Lo Sciacchetrà è un passito prodotto con i grappoli migliori di uva Bosco - precisa in aggiunta il CFS -, Albarola e Vermentino, vinificato dopo la fine di ottobre ed invecchiato per almeno un anno nella zona di produzione; acquisita l'idoneità della Camera di Commercio, può essere venduto con prezzi al dettaglio variabili da 100 a 400 euro circa al litro."
"Per contrastare le frodi e promuovere le produzioni conformi al disciplinare - sottolineano quindi le Giubbe Verdi -, i Forestali in servizio presso il Parco Nazionale delle Cinque Terre controllano metodicamente ogni processo produttivo, dalla coltivazione alla messa in commercio, dalla varietà dei vitigni alle quantità annuali di uva e di vino prodotti e posti in vendita. Nel 2015 le aziende produttrici di vino DOP 'Cinque Terre' e 'Cinque Terre Sciacchetrà' sono state 21,3 delle quali hanno vinificato circa il 70% della produzione. Grazie alle condizioni meteorologiche eccezionalmente favorevoli, il quantitativo di uve poste in appassimento è stato due volte mezzo maggiore (23.116 chilogrammi) rispetto a quello dell'anno precedente (9.107 chilogrammi) e il vino bianco ha raggiunto uno dei massimi quantitativi del quindicennio (21.6775 litri). Dal 2000 ad oggi, il 2007 risulta l'anno di massima produzione di Sciacchetrà. Nell'attuale campagna vendemmiale i Forestali del Comando Stazione Parco Cinque Terre hanno eseguito 19 controlli presso altrettante aziende produttrici, senza contestare violazioni."
"Le visite in cantina offrono ai titolari meno preparati - si dirama di seguito -, soprattutto se di aziende appena iscritte, l'opportunità di chiarire meglio dubbi normativi e ricevere suggerimenti utili ad esercitare regolarmente l'attività; perciò gli accertamenti, oltre a reprimere le eventuali illegalità, hanno un sicuro effetto preventivo, riducendo sia le infrazioni causate da disinformazione che i doli, resi più difficili e rischiosi dalla continuità e complessità dei controlli."
"Il Corpo forestale dello Stato, oltre a monitorare l'andamento produttivo, si propone di tutelare la qualità del vino posto in commercio e conseguentemente i produttori onesti ed i consumatori, ai quali suggerisce di acquistare solo bottiglie regolarmente etichettate, in quanto soggette a verifica. I controlli metodici di tutta la filiera produttiva attestano l'effettiva corrispondenza tra designazione e contenuto dell'imbottigliato, valorizzano le aziende produttrici, rassicurano il consumatore sull'autenticità e sul valore dell'acquisto, indirizzano a buon fine gli investimenti dell'Ente Parco per la promozione dell'attività agricola tradizionale" si segnala infine.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: