le notizie che fanno testo, dal 2010

Corruzione: operazione "strade dell'Oro", custodia cautelare per funzionari ANAS in Toscana

"Quattro ordinanze di custodia cautelare degli arresti domiciliari disposte nell'ambito dell'indagine «Le strade dell'Oro» per il reato di corruzione per atti contrari ai doveri d'ufficio. Si tratta di tre Pubblici Ufficiali del Compartimento ANAS Toscana e di un imprenditore", viene riportato in un comunicato dal CFS.

"Quattro ordinanze di custodia cautelare degli arresti domiciliari disposte nell'ambito dell'indagine «Le strade dell'Oro» eseguite dalla Sezione di Polizia Giudiziaria della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Firenze del Corpo Forestale dello Stato e dalla Squadra di Polizia Giudiziaria del Compartimento Polizia Stradale per il reato di corruzione per atti contrari ai doveri d'ufficio" viene scritto dai Forestali.
"Si tratta di tre Pubblici Ufficiali del Compartimento ANAS Toscana e di un imprenditore. Nel procedimento sono state indagate altre 24 persone - prosegue poi il CFS -, pubblici ufficiali in servizio presso il Compartimento ANAS di Firenze, imprenditori e professionisti di società con sede in molte regioni della Penisola. Le indagini coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Firenze hanno portato alla luce un complesso e collaudato sistema di corruzione, che vedeva interfacciarsi pubblici ufficiali del Compartimento ANAS Toscana con una pluralità di imprenditori operanti nel settore dei lavori pubblici e stradali. Nella maggior parte dei casi, sfruttando lo stato di emergenza e di necessità causato da calamità naturali, si operavano assegnazioni di favore a imprenditori amici. Oltre 200 uomini delle Forze di Polizia dislocate su tutto il territorio nazionale hanno eseguito un totale di 70 perquisizioni locali con obiettivo la sede regionale ANAS del viale dei Mille a Firenze e le società ed abitazioni degli indagati."
Le Giubbe Verdi ragguagliano dunque: "Tra gli interventi interessati dalla corruzione, il ripristino della funzionalità delle opere di protezione della pendice della SS67 'Tosco-Romagnola', interventi sulla 'SS 325 di Val di Setta e di Val di Bisenzio' in provincia di Prato, sulla S.S. 62 della Cisa - provincia di Massa Carrara - lavori di manutenzione straordinaria relativi al ripristino e protezione del corpo stradale franato, sulla SS 67, a Pontassieve (FI), località il Girone, sulla SS12 in provincia di Lucca e sull'AutoPalio (raccordo autostradale Firenze-Siena)."
"Le indagini hanno acclarato che i rapporti illegali tra i pubblici ufficiali infedeli e gli imprenditori erano molto radicati. In alcune conversazioni intercettate - si comunica in ultimo -, gli indagati descrivevano il mondo degli appalti con frasi del tipo: «È un mondo di scale di corruzione» «Tutti sono corrotti...il sistema c'è e devi pagare per lavorare», «tutti sono corrotti e corruttibili»."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: